WinforLife oppure WinforLinux

 

Per tutti coloro che credono che con Linux non si possa diventare ricchi, stasera voglio presentare WinforLinux, sperando di contribuire alla vosta ed alla mia ricchezza. Per diventare ricchi non bisogna fare altro che digitare questo comando:

echo $(shuf -i 1-20 | head -n9 | sort -n) – $(shuf -i 1-10 | head -n1)

il mio risultato che andrò a giocare è questo:

1 7 8 9 13 14 15 18 19 – 5

Il vostro quale sarà? In caso di vincita ricordatevi di me 🙂

Iceweasel 3.5.3 in Debian Squeeze

 

Mi sono appena accorto che  Iceweasel 3.5.3 è uscito da experimental  ed è presente in Sid, mentre in Debian Squeeze siamo alla versione 3.0.14. Per aggiornare non bisogna fare altro che aggiungere momentaneamente i repo di Sid, per poi successivamente rimuoverli.

# echo deb https://ftp.debian.org/debian/ sid main | tee -a /etc/apt/sources.list

# apt-get update

# apt-get install iceweasel

Compilare Gimp 2.7 su Debian Squeeze

 

 

Oggi avendo avuto un po di tempo ho voluto compilare Gimp 2.7, per verificare le novità, una su tutte la famosa single-window mode, e verificare se era stato fatto un po di ordine in stile photoshop, come promesso. Gimp 2.7 non è niente altro che la versione testing del futuro Gimp 2.8. Io come da titolo l’ho compilato su Debian Squeeze, quindi per poter compilare assicurarsi di avere tutto cio che occore compreso:

git-core libtool autoconf automake intltool

comunque verificare nel caso mancasse altro.

Iniziamo con stabilire le variabili, poiche l’installazione la faremo in /opt, in questo modo potremmo usare tutte e due le versioni di Gimp.

export PATH=$PATH:/opt/gimp-2.7/bin
export PKG_CONFIG_PATH=/opt/gimp-2.7/lib/pkgconfig
export LD_LIBRARY_PATH=/opt/gimp-2.7/lib

quindi assicuriamoci di poter compilare Gimp:

sudo apt-get build-dep gimp

a questo punto dobbiamo scaricare e compilare le librerie grafiche BABL e GEGL.

BABL:

git clone --depth 1 git://git.gnome.org/babl
cd babl
./autogen.sh --prefix=/opt/gimp-2.7
make -j4
sudo make install -j4

GEGL:

git clone --depth 1 git://git.gnome.org/gegl
cd gegl
./autogen.sh --prefix=/opt/gimp-2.7 --disable-gtk-doc
make -j4
sudo make install -j4

Adesso scarichiamo e compiliamo Gimp:

GIMP:

git clone --depth 1 git://git.gnome.org/gimp
cd gimp
./autogen.sh --prefix=/opt/gimp-2.7 --disable-gtk-doc
make -j4
sudo make install -j4

a questo punto se tutto è andato bene ci troviamo con Gimp 2.7 installato in /opt e possiamo avviarlo con:

/opt/gimp-2.7/bin/gimp-2.7

 

La prima valutazione è sicuramente positiva, ma di strada da fare c’è ne ancora tanta. Questo lo dico senza voler fare paragoni tra Gimp e Photoshop, che sarebbe come fare un paragone tra Jenson Button e Michael Schumacher.

 

Mount penna usb senza togliere-reinserire

 

 

A volte quando ci si trova ad usare una penna usb, con programmi come gparted o altri, si crea quella situazione in cui per poter riutilizzarla nuovamente, bisogna toglierla e reinserirla. Per ovviare a questo problema di seguito espongo un tip & trick.

La mia penna è vista come sdg, quindi:

$ eject /dev/sdg; sleep 1; eject -t /dev/sdg

 

Script "Estrai qui" per Nautilus 2.28

 

Dopo l’aggiornamento a Nautilus 2.28 dei giorni precedenti, ho risolto alcuni problemi che erano presenti in Debian Squeeze con Nautilus 2.26.3, ma inevitabilmente se ne sono aggiunti di nuovi. Certamente niente di strano dato che siamo in testing, ed oltre a questo se si aggiunge che mi piace fare e disfare, nella mia Debianbox c’è sempre qualcosa che da problemi. Ma come si dice in alcuni casi  ….a ME MI… piace così. Dunque il problema fastidioso consiste nella scomparsa dal menu-tasto destro della voce ,"Estrai qui" per scompattare gli archivi compressi. Per ovviare a questo problema sono ricorso ad uno script, quindi di seguito i passaggi:

$ gedit ~/.gnome2/nautilus-scripts/"Estrai qui"

incolliamoci dentro:

#!/bin/bash
for selected_uri in $NAUTILUS_SCRIPT_SELECTED_URIS; do
file-roller -e $NAUTILUS_SCRIPT_CURRENT_URI $selected_uri
done

poi settiamo i permessi:

chmod +x ~/.gnome2/nautilus-scripts/"Estrai qui"

ed alla fine riavviamo Nautilus:

killall -9 nautilus

A questo punto troveremo nel nostro menu la voce script con all’interno "Estrai qui" .

 

Iphone+Itunnel in Debian Squeeze

 

Questo post nasce come aggiornamento ad un tutorial creato da me qualche mese fa, dal titolo, " Montare iphone via cavo usando itunnel (libiphone-libplist) e Debian ". Gli aggiornamenti più importanti riguardano l’inclusione nei repository ufficiali delle librerie libiphone0 e libplist0, e l’ultima versione di itunnel con il supporto per l’iphone 3gS. Per montare il nostro iphone via cavo iniziamo installando i seguenti tools:

# apt-get install build-essential automake autoconf libtool ifuse libiphone0 libplist0 libgnutls-dev libusb-dev libfuse-dev libglib2.0-dev libxml2-dev libreadline5-dev swig cmake ssh sshfs

Adesso scarichiamo itunnel-0.0.9 per chi ha il 3gS oppure in alternativa la versione itunnel-0.0.4 ( la versione 0.0.5 non so come mai, ma da dei problemi). Adesso andiamo nella nostra home e nella cartella .ssh creiamo un file config simile a questo:

Host myphone
HostName 127.0.0.1
Port 3023
User mobile
ControlMaster auto
ControlPath /tmp/master-%r@%h:%p
ServerAliveInterval 300
UserKnownHostsFile ~/.ssh/myphone_known_hosts
RemoteForward 2202 localhost:22

Creiamo nella nostra home una cartella dove montare l’Iphone:

mkdir iphone

avviamo ssh sull’iphone ed entriamo nella cartella di itunnel

cd itunnel-0.0.9

da root:

./itunnel 3023

ci appare questo:

DebianBox:/home/edmond/itunnel-0.0.9# ./itunnel 3023get_iPhone() success
– successfully got device
server waiting for ssh connection

Apriamo un altra shell e da root:

sshfs -p 3023 root@localhost:/private /home/UTENTE/iphone

io ho scelto la cartella /private, ma si può partire da qualsiasi altra cartella.

verrà chiesta la password di root dell’iphone che di default è:

alpine

A questo punto apriamo nautilus da root, e troveremo il nostro Iphone montato.

Io ho un iphone 3g Jailbroken con firmware 3.0.1.

 

kbd-mode: setting console mode to Unicode (UTF-8)

 

 

Oggi provando a reinstallare Debian Squeeze mi è apparso al momento del boot l’errore seguente:

kbd-mode: setting console mode to Unicode (UTF-8)

facendo una veloce ricerca ho scoperto che è un bug noto, e si può bypassare il problema passando il parametro nopat all’opzione di boot. Quindi una volta avviato da cdrom scegliere la voce help e poi inserire:

install nopat

 a questo punto si può proseguire con l’installazione.

 

Rinominare tutti i file da minuscolo a maiuscolo (viceversa)


Questo è un tip per chi volesse rinominare in blocco file ed archivi presenti in una specifica  directory.

 

da minuscolo a maiuscolo:

find . -type f|while read f; do mv $f `echo $f |tr "[:lower:]" "[:upper:]"`; done

da maiuscolo a minuscolo:

find . -type f|while read f; do mv $f `echo $f |tr "[:upper:]" "[:lower:]"`; done

 

Convertire video youtube in immagine Gif

A volte può risultare utile convertire un video in un immagine Gif, ed uno dei metodi più semplici è quello di usare Mplayer.

Una volta scaricato il video non bisogna fare altro che lanciare questo comando:

$mplayer -vo gif89a Video_Scaricato.flv

Il video che ho usato è questo.

mentre qui sotto vediamo  Mplayer a lavoro:

 

Disattivare un core

 

 

Questo tip puo risultare molto utile per chi come me possiede oltre al Pc un notebook ed un netbook (aspire one) multicore, poichè ci da la possibilità di disattivare un core nell’eventualità che ci si trovasse con una scarsa autonomia della batteria. Disattivando un core abbiamo la possibilità di guadagnare qualche minuto e quindi finire di scrivere ed inviare per esempio una mail.

Per disattivare :

$ echo 0 | sudo tee /sys/devices/system/cpu/cpu1/online

Per attivare:

$ echo 1 | sudo tee /sys/devices/system/cpu/cpu1/online

Per verificare se si sta usando un core o più basta un:

cat /proc/cpuinfo