Lo Status di GNOME 3.0 in Debian

 

Per chi fosse interessato allo Status di Gnome 3 su Debian, c'è una pagina dove viene indicato lo stato dei pacchetti, il tutto suddiviso per colori. Si va dal verdone che indica che il pacchetto è arrivato in testing, al verde che indica che è in unstable, al giallo che è in experimental, ma soprattutto c'è una bella sfilza di rosso sangue 🙂 Lasciate il mio Gnome così com'è CA$$O.

 

https://www.0d.be/debian/debian-gnome-3.0-status.html

 

enjoy 😉

Autore: Franco Conidi aka edmond

Senior System Integrator, Network Engineering, Sys Admin Linux, Linux User, Consulente Informatico.

10 pensieri riguardo “Lo Status di GNOME 3.0 in Debian”

  1. @deer

    alla fine credo che come sempre sara una questione di "gusti"

    al momento io Gnome 3 non lo capisco e non mi piace 😉

  2. Allora credo proprio che lascerò stare, rinviando il tutto a tempi migliori, o proverò una distro con sto "rivoluzionario" desktop.

  3. Io all'inizio non lo sopportavo. Non ne capivo lo spirito ispiratore. Dopo qualche giorno invece ho iniziato ad apprezzarlo. Con una mano su alt + tab o tasto win e l'altra mano sul mouse si fa tutto velocemente. La mancanza dei pulsanti di ridimensionamento e massimizzazione alla fine non servono se puoi allargare la finestra al solo contatto con la top bar.  La ricerca delle applicazioni è velocissima e alla fine basta averle nei preferiti. Considerando che è solo una 3.0.0 la velocità è eccezionale e come base di partenza è esaltante. Quando aggiungeranno qualche mouse gestures , o quando integreranno nella top bar i menu della toolbar dell'applicazione si farà un ulteriore passo in avanti. Adesso che la mia ATI non va più d'accordo con il kernel 2.6.38  costringendomi a utilizzare nuovamente gnome3 in 2D o xfce 4.8 mi sembra di essere tornato indietro di alcuni anni.

  4. @Francesco Meloni
    grazie per aver condiviso la tua esperienza con Gnome 3, spero di riuscire
    a capire anche io quello spirito che vuol fare sembrare un pc desktop in un tablet 😉

  5. Forse la risposta è proprio insita nella domanda stessa. Creare un ambiente unico di utilizzo che possa permettere di utlizzare un tablet o un pc con lo stesso ambiente. Ciò che fa la mano sinistra su G-S lo continuerà a fare, ciò che fai adesso con il mouse lo potrai fare con la mano destra, senza aver bisogno di cliccare su piccole icone rimbalzanti di docky o awn o in un panel ridotto a pochi pixel , ma in una gradevole fila di bottoni scalabili al centro dello schermo.  E' evidente che G-S strizzi l'occhio ad un uso "touch" del pc ma non potrebbe essere altrimenti visto che G-S dovrebbe essere il deskop alla base di un Gnome OS prossimo venturo che dovrebbe trovare maturità fra pochi anni.  Seguendo con avidità i dialoghi degli sviluppatori sul chan #gnome-shell ho capito che quello che vediamo è solo la premessa, loro parlano sempre è solo di 3.2 come prima milestone matura e quasi featured complete. 
    A margine un ringraziamento per il tuo blog su Debian. Per un "ritornato" su debian dopo tanti anni di ubuntu ho trovato che erroneamente e colpevolmente si è trascurata la distro da cui tutte/molte altre distro hanno origine.  Dai lustro a chi se lo merita insomma.

  6. @Francesco

    bhe…effettivamente tutto fa pensare che si vada nella direzione di un unico ambiente, e spero vivamente che Gnome riesca in questo, del resto è stato sempre, ed è il mio unico DE e spero che sia così anche in futuro. Grazie a te ed a presto 😉

  7. Ciao, ho provato GNOME3 scaricando la .iso Opensuse dal sito ufficiale.
    Anche io la penso come edmond, un DE perfetto per un tablet o un pc con monitor touchscreen. Ma per un uso tradizionale? … Certo se si vuole impararlo ad usare si impara, non è la fine del mondo. Resta sempre una questione di gusti personali. Per il momento condivido il pensiero di mte90, viva KDE, perché perlomeno non stravolge le basi del suo DE e anzi cerca di migliorarlo. Non credo userò mai KDE perché preferisco la "morbidezza" di GNOME al "luccichio" di KDE 😉
    Le alterntive? Per quanto mi riguarda o abituarsi al nouvo GNOME3 oppure adottare XFCE, magari un po' moddato per migliorarne la presenza.
    Ciao!

  8. Sto provicchiando Gnome3/Debian sid da un po di tempo, anche io sono del partito old gnome, tuttavia, mentre all’inizio odiavo il nuovo sistema, usandolo più o meno sporadicamente sto acquisendo certi meccanismi (che inizialmente mi confondevano assai) e non dico che ne vado entusiasta ma non lo odio come al primo utilizzo.

    Se Debian ha deciso così seguirò questa strada e spero di abituarmici e che ci sia comunque una possibilità di scelta iniziale senza dover abbandonare testing.

    Purtroppo il concetto di scrivania con le mie icone sempre li e i menu discreti del pannello sembra stia passando nel dimenticatoio.

  9. @fabrixx
    Io invece è un bel po che non lo uso, e mi sa che è venuta l’ora di rifare una nuova installazone
    e vedere se mi ci abituo (sarà dura) 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.