Broadcom BCM94352Z su Debian 10

Broadcom BCM94352Z su Debian 10Broadcom BCM94352Z su Debian 10

Guida su come installare la scheda wireless Broadcom BCM94352Z/BCM4352 su Debian 10:

$ lspci -vvnn | grep 14e4

output:

edmond@debianbox:~$ lspci -vvnn | grep 14e4
08:00.0 Network controller [0280]: Broadcom Limited BCM4352 802.11ac Wireless Network Adapter [14e4:43b1] (rev 03)

 

Aggiungere i repository backport:

# printf "deb http://deb.debian.org/debian buster-backports main contrib" > /etc/apt/sources.list.d/buster-backports.list
# apt update

Installazione:

# apt-get install linux-image-$(uname -r|sed 's,[^-][I]-[^-][/I]-,,') linux-headers-$(uname -r|sed 's,[^-][I]-[^-][/I]-,,') broadcom-sta-dkms -y
# modprobe -r b44 b43 b43legacy ssb brcmsmac bcma
# modprobe wl
# reboot

Broadcom BCM94352Z su Debian 10

enjoy 😉

 

TorBrowser su Debian 10

TorBrowser su Debian 10TorBrowser su Debian 10

Tor (acronimo di The Onion Router) è un sistema di comunicazione anonima per Internet basato sulla seconda generazione del protocollo di rete di onion routing. Tramite l’utilizzo di Tor è molto più difficile tracciare l’attività Internet dell’utente; difatti l’uso di Tor è finalizzato a proteggere la privacy degli utenti, la loro libertà e la possibilità di condurre delle comunicazioni confidenziali senza che vengano monitorate.  Per installare TorBrowser su Debian 10 Buster:

Aggiungere i repository backport:

# printf "deb http://deb.debian.org/debian buster-backports main contrib" > /etc/apt/sources.list.d/buster-backports.list
# apt update

Installazione:

# apt -t buster-backports install torbrowser-launcher tor tor-geoipdb torsocks

Workaround errore black screen all’avvio:

# nano /etc/apparmor.d/local/torbrowser.Browser.firefox

ed aggiungere:

owner /{dev,run}/shm/org.mozilla.*.* rw,
# reboot

poi lanciare tor:

$ torbrowser-launcher

TorBrowser su Debian 10

enjoy 😉

 

Nvidia Optimus con Bumblebee su Debian 10

Nvidia Optimus con Bumblebee su Debian 10Nvidia Optimus con Bumblebee su Debian 10

Tanti laptop hanno la doppia scheda video Intel e Nvidia, e quindi si può installare Bumblebee che supporta i laptop con tecnologia NVIDIA Optimus Praticamente si fa il rendering con Nvidia che sarà visalizzata con la scheda Intel.

Per identificare le schede:

$ su -
# apt install inxi
# inxi -G

output:

Graphics:
Device-1: Intel 4th Gen Core Processor Integrated Graphics driver: i915
v: kernel
Device-2: NVIDIA GM107M [GeForce GTX 860M] driver: N/A
Display: server: X.Org 1.20.4 driver: modesetting unloaded: fbdev,vesa
resolution: 1920x1080~60Hz
OpenGL: renderer: Mesa DRI Intel Haswell Mobile v: 4.5 Mesa 18.3.6

Installazione:

# dpkg --add-architecture i386
# apt-get update
# apt-get install bumblebee-nvidia primus primus-libs:i386 libgl1-nvidia-glx:i386 mesa-utils libgl1-nvidia-glx

aggiungere il proprio nome utente al gruppo bumbeblee:

$ sudo adduser $USER bumblebee
$ sudo reboot

per testare scheda intel:

$ glxgears -info

per testare scheda nvidia:

$ optirun glxgears -info

Nvidia Optimus con Bumblebee su Debian 10

enjoy 😉

 

(Solved) Fdisk command not found Debian 10

(Solved) Fdisk command not found Debian 10

In Debian Buster si presenta un errore quando si danno alcuni comandi con privilegi root, uno di questi è il comando fdisk-l, che risponde con: command not found. Questo problema si risolve in 2 modi:

1) eseguire il comando con:

# /sbin/fdisk -l

2) con un link simbolico:

# ln -s /sbin/fdisk /bin/fdisk

(Solved) Fdisk command not found Debian 10

enjoy 😉

Script Bash per aggiornamento ip dinamico FreePBX Asterisk

Script Bash per aggiornamento ip dinamico FreePBX Asterisk

Script per aggiornamento ip dinamico FreePBX Asterisk

Dopo l’ultima guida su come Configurare un trunk Asterisk su linea Vodafone, il mio centralino personale funziona benissimo (quasi). Naturalmente c’è sempre qualcosa da sistemare qua e là, e la prima cosa è quella dell’ip statico. Nel mio caso, avendo un ip dinamico, nel momento in cui cambia l’indirizzo (non spesso), le chiamate in ingresso non vengono inoltrate. Pur avendo un external FQDN con dyndns, ed aggiungendolo in FreePBX, purtroppo NON funziona. Quindi la soluzione è riscrivere nella tabella mysql il nuovo ip in maniera automatica. A questo proposito ho rispolverato uno script bash, che può essere modificato in base alle proprie esigenze:

#!/bin/bash
# This program gets the current IP address (as assigned by the ISP) from
# THIS SCRIPT IS STILL CONSIDERED EXPERIMENTAL - USE AT YOUR OWN RISK!!!
user="user"
pass="pw"
check=$(dig +short myip.opendns.com @resolver1.opendns.com) || { echo "Problem getting current IP address"; exit 1; }
if [[ ! $check =~ ^[0-9]+\.[0-9]+\.[0-9]+\.[0-9]+$ ]]; then
echo "Invalid IP address"; exit 1;
fi
readip=$(mysql asterisk -u $user -p$pass -se 'SELECT val FROM kvstore_Sipsettings where `key` = "externip"') || { echo "Can't read externip from MySQL asterisk database"; exit 1; }
if [ "$check" != "$readip" ]; then
# IP address has changed
# Send email
echo "This is an automated message - please do not reply. It appears that our external IP address has been changed to $check" | mail -s "External IP address may have been changed" you@someaddress.com
# Save new IP address to Asterisk SIP settings
mysql_response=$(mysql asterisk -u $user -p$pass -se 'update kvstore_Sipsettings set val='\"$check\"' where `key`="externip" ')
# Reload Asterisk
/var/lib/asterisk/bin/module_admin reload
fi

se ci sono problemi di formattazione, si può scaricare con:

$ wget https://www.dropbox.com/s/lrvyd83ezu62fb7/checkip.sh?dl=0 -O checkip.sh

le voci importanti da modificare sono: user, pw, ed aggiungere la propria mail eventualmente, per essere avvisati al cambiamento ip. Quindi:

# chmod u+rx checkip.sh
# mv checkip.sh /var/lib/asterisk/agi-bin/

per testarlo subito eseguire:

# ./checkip.sh

Adesso è utile programmare un cron job che controlli l’indirizzo ip ad intervalli regolari. Io ho optato per un check ogni ora, anche se il mio ip non cambia così spesso:

# crontab -e

ed incollare qualcosa del genere:

*/60 * * * * /var/lib/asterisk/agi-bin/checkip.sh

adesso il nostro centralino asterisk non avrà più problemi a causa dell’ip dinamico. Testato e funzionante con Asterisk 14 FreePBX 14

Script Bash per aggiornamento ip dinamico FreePBX Asterisk

enjoy 😉

 

Trovare informazioni sensibili su Facebook con FBI

Trovare informazioni sensibili su Facebook con FBI

Trovare informazioni sensibili su Facebook con FBI

Questa guida, testata su Debian 10, fa vedere come dopo avere installato un interessante tool di Information gathering, FBI (Facebook Information)) si possono ottenere velocemente dati sensibili sui propri amici di Facebook.

$ sudo apt update; apt upgrade -y
$ sudo apt install git python2
$ git clone https://github.com/xHak9x/fbi.git
$ cd fbi/
$ sudo pip2 install -r requirements.txt

Avviare con:

$ python2 fbi.py

loggarsi con il proprio id facebook e dare il comando:

token

scaricare le info di tutti gli amici:

get_data
get_info

ottenere i numeri di telefono:

dump_phone

Trovare informazioni sensibili su Facebook con FBI

scoprire tutte le mail:

dump_mail

Trovare informazioni sensibili su Facebook con FBI

Trovare informazioni sensibili su Facebook con FBI

ecc. ecc. ecc.

enjoy 😉

Configurazione Asterisk su Linea Vodafone

Configurazione Asterisk su Linea VodafoneConfigurazione Asterisk su Linea Vodafone

Con questa guida si completa la trilogia su come configurare ed utilizzare il proprio modem e linea telefonica, senza utilizzare il terminale del proprio provider. Questo grazie alla delibera AGCOM 348/18/CONS, per il modem libero. Io ho gia creato con successo un centralino Asterisk funzionante su linea Telecom FTTH e FTTC, quello che mi mancava era la configurazione su Linea Vodafone, senza workaround. Io ho testato tutto sulla mia linea Vodafone FTTC, utilizzando un modem/router Asus DSL-AC68U. un raspberry pi 3, con Raspbian,  Asterisk 14 e FreePBX 14. Utilizzando questo sistema, adesso NON ci sarà più bisogno di moduli ATA, o di telefoni analogici collegati sulla tel1/fxs1, ma si sfrutta la propria rete, per avere Voip puro, con telefoni/App voip. Naturalmente servono le credenziali del proprio numero voip, da richiedere al 190 Vodafone.

Configurazione Trunk

Outgoing PEER Details:

type=peer
username=+3902xxxxxxx
secret=password_linea_voip
keepalive=yes
qualify=no
srvlookup=yes
auth=+390xxxxxxx@ims.vodafone.it
outboundproxy=83.224.127.3
insecure=invite,port
host=ims.vofadone.it
fromuser=+3902xxxxxxx
fromdomain=ims.vodafone.it
dtmfmode=RFC2833
disallow=all
allow=alaw&ulaw
context=from-trunk

sopra ho messo qualify=no, insieme a keepalive=yes, altrimenti il trunk risultava quasi sempre Unreachable.

Incoming:

Register String:

+3902xxxxxxx@ims.vodafone.it:password_linea_voip:+3902xxxxxxx@ims.vodafone.it@83.224.127.3:5060/+3902xxxxxxx

Questo Trunk si autenticherà direttamente su SBC Vodafone.

In questo caso trattandosi di ip dinamico, nat=yes, in Settings-Asterisk Sip Settings-Chan Sip Settings.

Ready ?

enjoy 😉

Configurare Zoiper con credenziali Voip Vodafone

Configurare Zoiper con credenziali Voip VodafoneConfigurare Zoiper con credenziali Voip Vodafone

Come dicevo nella guida precedente, tutti gli operatori si sono adeguati alla delibera AGCOM 348/18/CONS, per il modem libero, quindi si posso richiedere al proprio provider le credenziali voip. Dopodichè si potrà utilizzare il proprio PC o Cellulare come telefono fisso. Nel caso di Vodafone basta richiederle tramite il 190, oppure tramite la chat TOBi come ho fatto io, quindi vi verrà mandato un sms con le credenziali:

Configurare Zoiper con credenziali Voip Vodafonea questo punto si può iniziare a configurare Zoiper, anche se le credenziali date così sono ingannevoli:

  1. Username: non è solo il numero di rete fissa bensì: +39_num_fisso@ims.vodafone.it
  2. Outbound Proxy: Voip3.fixed.vodafone.it = 83.224.127.3
  3. Password: 28 caratteri che può finire con il segno ” =

Configurazione Zoiper Desktop:

nell’ultimo screen si vede come non ho utilizzato nessun codec per far funzionare l’audio. Naturalmente servirà eventualmente settare il port forwarding verso le porte RTP.

Configurazione Zoiper per iOS:

Nel caso di Zoiper per iOS, bisogna registrarsi col solo numero di telefono:

Configurare Zoiper con credenziali Voip Vodafone

questo è tutto…per adesso!

enjoy 😉

Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U

Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U

Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U

Dopo la delibera AGCOM 348/18/CONS, per il modem libero anche l’Italia  si uniforma alla direttiva europea n. 2015/2120. Praticamente quasi tutti gli operatori si sono adeguati gradualmente dall’inizio dell’anno, e quindi si può decidere di sostituire il modem rilasciato dai provider, magari comprandone uno più performante. Ultima ad adeguarsi in ordine di tempo è stata Vodafone, che era in ritardo con la parte voce. Da qualche settimana Vodafone rilascia anche le credenziali Voip relative alla propria linea. Quindi adesso si può utilizzare un modem alternativo sia per la parte dati che per quella voce. Io ho utilizzato il mio fedele Asus DSL-AC68U, come modem router, anche se a differenza dei FRITZ!Box, non ha le analogiche, ma questo per me non è un problema, e sarà argomento di una prossima guida. Sul sito Vodafone vi sono elencati i Requisiti tecnici minimi, ed i Parametri di configurazione. Per quanto riguarda Asus DSL-AC68U, eseguire un factory reset e poi configurarlo con i parametri Vodafone. Di seguito i mei screen:

Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U

Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U

sopra lato wan ho lasciato il DNS in modo automatico, che mi servirà per la parte voce., argomento delle prossime due guide.

enjoy 😉

Backup incrementale con Tar

 

Backup incrementale con Tar

 

Backup incrementale con Tar è il titolo di questa guida, ma il sottotitolo potrebbe essere: come dormire sonni tranquilli facendo un backup incrementale, sicuro e veloce. Ci sono diversi strumenti con cui fare un backup dei propri dati, sia con programmi grafici, come luckyBackup, deja-dup o systemback-1.9.3, sia con strumenti da linea di comando, già presenti di default in Gnu-Linux. Tempo fa avevo gia fatto una guida sull’utilizzo di rsync come strumento di backup, invece questa guida mostrerà come ottenere un backup incrementale usando Tar.

Creazione di cartelle, sotto cartelle e files per testare il backup:

$ mkdir -p big-data/{backup,restore}
$ cd big-data/backup/
$ mkdir {1..4}
$ man ls > file1
$ man wc > file2
$ man tar > file3
$ man mv > file4
$ ls

output ls:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data/backup$ ls
1 2 3 4 file1 file2 file3 file4
$ cd ..
$ ls

output ls:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ ls
backup restore

Backup generale:

$ tar -czvg snapshot-file -f backup.tar.gz backup

output:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ tar -czvg snapshot-file -f backup.tar.gz backup
tar: backup: Directory is new
tar: backup/1: Directory is new
tar: backup/2: Directory is new
tar: backup/3: Directory is new
tar: backup/4: Directory is new
backup/
backup/1/
backup/2/
backup/3/
backup/4/
backup/file1
backup/file2
backup/file3
backup/file4

output ls:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ ls
backup backup.tar.gz restore snapshot-file

come si può vedere tutte le cartelle ed i files sono stati clonati nell’ archivio backup.tar.gz, mentre il file chiamato snapshot-file, si occuperà di tenere traccia dei cambiamenti. A questo punto il passo successivo sarà quello di andare ad inserire nella cartella di backup originale, altre cartelle e files così da testare il backup incrementale.

$ mkdir backup/{5..8} 
$ man sed > backup/file5 
$ ls backup/

output:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ ls backup/
1 2 3 4 5 6 7 8 file1 file2 file3 file4 file5

per ottenere un backup incrementale il comando da eseguire è come quello sopra, l’unica differenza sarà quella di personalizzare il nome del backup, in base alla data oppure con dei numeri:

$ tar -czvg snapshot-file -f 1-backup.tar.gz backup

output:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ tar -czvg snapshot-file -f 1-backup.tar.gz backup
tar: backup/5: Directory is new
tar: backup/6: Directory is new
tar: backup/7: Directory is new
tar: backup/8: Directory is new
backup/
backup/1/
backup/2/
backup/3/
backup/4/
backup/5/
backup/6/
backup/7/
backup/8/
backup/file5

per vedere le differenze dei due backup:

$ tar -tvf backup.tar.gz
$ tar -tvf 1-backup.tar.gz

output:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ tar -tvf backup.tar.gz
drwxr-xr-x edmond/edmond 41 2019-02-28 20:31 backup/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/1/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/2/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/3/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/4/
-rw-r--r-- edmond/edmond 7823 2019-02-28 20:30 backup/file1
-rw-r--r-- edmond/edmond 2026 2019-02-28 20:31 backup/file2
-rw-r--r-- edmond/edmond 45323 2019-02-28 20:31 backup/file3
-rw-r--r-- edmond/edmond 2989 2019-02-28 20:31 backup/file4
edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ tar -tvf 1-backup.tar.gz
drwxr-xr-x edmond/edmond 60 2019-02-28 20:51 backup/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/1/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/2/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/3/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/4/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:50 backup/5/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:50 backup/6/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:50 backup/7/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:50 backup/8/
-rw-r--r-- edmond/edmond 11183 2019-02-28 20:51 backup/file5

Ripristino Backup nella cartella restore:

$ tar -xvf 1-backup.tar.gz -C restore/

enjoy 😉