Systemback creazione iso superiore a 4 Giga

Systemback creazione iso superiore a 4 GigaSystemback creazione iso superiore a 4 Giga

Quando si usa systemback per la clonazione del proprio sistema in modalità live ed installabile, se la dimensione è inferiore ai 4 giga, il programma da la possibilità di convertirlo in .iso, mentre se è superiore c’è solo la possibilità di scriverlo direttamente su una pen drive. A questo proposito condividerò i comandi per potersi creare una immagine .iso bootable di dimensioni enormi da poter condividere. Tutto questo in attesa di un futuro aggiornamento ed alla risoluzione di alcuni bug. Quindi dopo aver utilizzato systemback abbiamo un file del tipo: systemback_live_2020-06-01.sblive

$ mkdir sblive/
$ sudo tar -xavf /home/systemback_live_2020-06-01.sblive -C sblive/
$ sudo chmod 777 -R sblive/
$ mv sblive/syslinux/syslinux.cfg sblive/syslinux/isolinux.cfg
$ mv sblive/syslinux/ sblive/isolinux/

creazione iso:

$ xorriso -as mkisofs -V sblive -J -l -b -isohybrid-mbr sblive/isolinux/ -c isolinux/boot.cat -b isolinux/isolinux.bin -iso-level 3 -no-emul-boot -boot-load-size 4 -boot-info-table -eltorito-alt-boot -e boot/grub/efi.img -no-emul-boot -isohybrid-gpt-basdat -o sblive.iso sblive

per ultimo utilizzare isohybrid per il boot in uefi:

$ isohybrid -h 256 -s 63 --uefi sblive.iso

Systemback creazione iso superiore a 4 Giga

enjoy 😉

 

PacketTracer 7.3.0 su Debian 10

PacketTracer 7.3.0 su Debian 10PacketTracer 7.3.0 su Debian 10

L’ultima versione di Cisco PacketTracer è la 7.3.0, ma il pacchetto deb che si trova sul sito, non funziona su Debian 10, per il solito problema di librerie mancanti. Il metodo veloce per installarlo è uno script che si trova su github, che fa tutto in automatico.

Installazione:

$ git clone https://github.com/Retinazer/packettracer-installer.git
$ cd packettracer-installer/
$ wget https://archive.org/download/packettracer730mac_202002/PacketTracer_730_amd64.deb
$ sudo ./packet-tracer-7.3.0-install.sh

PacketTracer 7.3.0 su Debian 10

enjoy 😉

 

Onedrive su Debian 10 con rclone

Onedrive su Debian 10 con rcloneOnedrive su Debian 10 con rclone

Guida su come connettere il proprio account OneDrive, da linea di comando, utilizzando rclone.

Installazione di rclone:

$ sudo apt install rclone fuse

Configurazione:

$ rclone config

output:

edmond@edmondbox:~$ rclone config
2020/05/25 18:25:55 NOTICE: Config file "/home/edmond/.config/rclone/rclone.conf" not found - using defaults
No remotes found - make a new one
n) New remote
s) Set configuration password
q) Quit config
n/s/q> n
name> myonedrive
Type of storage to configure.
Enter a string value. Press Enter for the default ("").
Choose a number from below, or type in your own value
1 / A stackable unification remote, which can appear to merge the contents of several remotes
\ "union"
2 / Alias for a existing remote
\ "alias"
3 / Amazon Drive
\ "amazon cloud drive"
4 / Amazon S3 Compliant Storage Providers (AWS, Ceph, Dreamhost, IBM COS, Minio)
\ "s3"
5 / Backblaze B2
\ "b2"
6 / Box
\ "box"
7 / Cache a remote
\ "cache"
8 / Dropbox
\ "dropbox"
9 / Encrypt/Decrypt a remote
\ "crypt"
10 / FTP Connection
\ "ftp"
11 / Google Cloud Storage (this is not Google Drive)
\ "google cloud storage"
12 / Google Drive
\ "drive"
13 / Hubic
\ "hubic"
14 / JottaCloud
\ "jottacloud"
15 / Local Disk
\ "local"
16 / Microsoft Azure Blob Storage
\ "azureblob"
17 / Microsoft OneDrive
\ "onedrive"
18 / OpenDrive
\ "opendrive"
19 / Openstack Swift (Rackspace Cloud Files, Memset Memstore, OVH)
\ "swift"
20 / Pcloud
\ "pcloud"
21 / SSH/SFTP Connection
\ "sftp"
22 / Webdav
\ "webdav"
23 / Yandex Disk
\ "yandex"
24 / http Connection
\ "http"
Storage> 17
** See help for onedrive backend at: https://rclone.org/onedrive/ **

Microsoft App Client Id
Leave blank normally.
Enter a string value. Press Enter for the default ("").
client_id>
Microsoft App Client Secret
Leave blank normally.
Enter a string value. Press Enter for the default ("").
client_secret>
Edit advanced config? (y/n)
y) Yes
n) No
y/n> n
Remote config
Use auto config?
* Say Y if not sure
* Say N if you are working on a remote or headless machine
y) Yes
n) No
y/n> y
If your browser doesn't open automatically go to the following link: http://127.0.0.1:53682/auth
Log in and authorize rclone for access
Waiting for code...
Got code

Autorizzare rclone come app sicura:

Onedrive su Debian 10 con rclone

Choose a number from below, or type in an existing value
1 / OneDrive Personal or Business
\ "onedrive"
2 / Root Sharepoint site
\ "sharepoint"
3 / Type in driveID
\ "driveid"
4 / Type in SiteID
\ "siteid"
5 / Search a Sharepoint site
\ "search"
Your choice> 1
Found 1 drives, please select the one you want to use:
0: (personal) id=72593143d3aac403
Chose drive to use:> 0
Found drive 'root' of type 'personal', URL: https://onedrive.live.com/?cid=72593143d3aac403
Is that okay?
y) Yes
n) No
y/n> y
--------------------
[myonedrive]
token = {"access_token":"EwBoA8l6BAAUO9chh8cJscQLmU+LSWpbnr0vmwwAAcTsM8GrYTxDxI5BKZdaB","expiry":"2020-05-25T19:26:56.661526715+02:00"}
drive_id = 72593143d3aac403
drive_type = personal
--------------------
y) Yes this is OK
e) Edit this remote
d) Delete this remote
y/e/d> y
Current remotes:

Name Type
==== ====
myonedrive onedrive

e) Edit existing remote
n) New remote
d) Delete remote
r) Rename remote
c) Copy remote
s) Set configuration password
q) Quit config
e/n/d/r/c/s/q> q
edmond@edmondbox:~$

creazione punto di mount e montaggio utilizzando fuse:

$ mkdir ~/onedrive
$ rclone mount --daemon --vfs-cache-mode writes myonedrive: ~/onedrive

al posto di writes si può utilizzare full, per scaricare tutto in locale. La locazione del file di configurazione si trova col comando:

$ rclone config file

Come alternativa esiste il pacchetto deb di OneDrive che si trova in Debian Sid, ma che io non ho testato.

Onedrive su Debian 10 con rclone

enjoy 😉

Clonazione e backup di una partizione con rsync

Clonazione e backup di una partizione con rsyncClonazione e backup di una partizione con rsync

Per motivi lavorativi, e di sicurezza, ho sempre diverse partizioni su ssd separati. Quindi dopo aver installato la mia Debian, ed averla personalizzata con tutto quello che mi serve, subito dopo clono il tutto in pochi secondi e passaggi. Questo procedimento, utilizzando rsync, è fantastico in quanto lo esegui direttamente dal sistema che stai utilizzando. Nell’esempio sotto, la mia partizione dove andrò a clonare, è identificata come /dev/sda10.

$ su -
# apt install rsync

umount partizione EFI e mount partizione target

# umount /dev/sda1
# mount /dev/sda10 /mnt/
# rsync -aAXvP / --exclude={"/dev/*","/proc/*","/sys/*","/tmp/*","/run/*","/mnt/*","/media/*","/lost+found"} /mnt/

lanciare blkid per identificare UUID della partizione target e modificarla:

Clonazione e backup di una partizione con rsync

# blkid
# nano /mnt/etc/fstab

poi:

# umount /dev/sda10
# update-grub

Clonazione e backup di una partizione con rsync

enjoy 😉

 

Kali-anonsurf e anonsurf su Debian 10

Kali-anonsurf e anonsurf su Debian 10Kali-anonsurf e anonsurf su Debian 10

Anonsurf è la modalità anonima di ParrotOS  e Kali Linux, per forzare le connessioni attraverso Tor e/o la rete i2p.  Tor è un protocollo di crittografia SOCKS4 e SOCKS5. Tor esegue il tunnelling di tutto il traffico che circola nella rete dell’utente in modo anonimo, e nasconde la posizione di un utente e i dati di rete da chiunque monitora l’utente localmente e in remoto. L’utilizzo di Anonsurf si può avviare anche da terminale, ed oltre ad essere integrato in ParrotOS ed in Kali Linux, si può installare in Debian 10 Buster. Per utilizzare anonsurf è sempre meglio installare Tor browser, seguendo questa mia guida.

Installare kali-anonsurf:

$ sudo apt install git
$ git clone https://github.com/Und3rf10w/kali-anonsurf.git
$ cd kali-anonsurf/
$ sudo ./installer.sh

avviare con:

$ sudo anonsurf start

anonsurf ParrotOS:

$ sudo apt install git
$ git clone https://github.com/ParrotSec/anonsurf
$ cd anonsurf/binaries/
$ sudo anonsurf start

Comandi:

Parrot AnonSurf Module
Usage:
┌──[root@debianbox]─[/home/edmond]
└──╼ $ anonsurf {start|stop|restart|change|status}

start - Start system-wide anonymous
tunneling under TOR proxy through iptables 
stop - Reset original iptables settings
and return to clear navigation
restart - Combines "stop" and "start" options
change - Changes identity restarting TOR
status - Check if AnonSurf is working properly
myip - Show your current IP address
----[ I2P related features ]----
starti2p - Start i2p services
stopi2p - Stop i2p services

Kali-anonsurf e anonsurf su Debian 10

enjoy 😉

 

Broadcom BCM94352Z su Debian 10

Broadcom BCM94352Z su Debian 10Broadcom BCM94352Z su Debian 10

Guida su come installare la scheda wireless Broadcom BCM94352Z/BCM4352 su Debian 10:

$ lspci -vvnn | grep 14e4

output:

edmond@debianbox:~$ lspci -vvnn | grep 14e4
08:00.0 Network controller [0280]: Broadcom Limited BCM4352 802.11ac Wireless Network Adapter [14e4:43b1] (rev 03)

 

Aggiungere i repository backport:

# printf "deb http://deb.debian.org/debian buster-backports main contrib" > /etc/apt/sources.list.d/buster-backports.list
# apt update

Installazione:

# apt-get install linux-image-$(uname -r|sed 's,[^-][I]-[^-][/I]-,,') linux-headers-$(uname -r|sed 's,[^-][I]-[^-][/I]-,,') broadcom-sta-dkms -y
# modprobe -r b44 b43 b43legacy ssb brcmsmac bcma
# modprobe wl
# reboot

Broadcom BCM94352Z su Debian 10

enjoy 😉

 

(Solved) Fdisk command not found Debian 10

(Solved) Fdisk command not found Debian 10

In Debian Buster si presenta un errore quando si danno alcuni comandi con privilegi root, uno di questi è il comando fdisk-l, che risponde con: command not found. Questo problema si risolve in 2 modi:

1) eseguire il comando con:

# /sbin/fdisk -l

2) con un link simbolico:

# ln -s /sbin/fdisk /bin/fdisk

(Solved) Fdisk command not found Debian 10

enjoy 😉

Trovare informazioni sensibili su Facebook con FBI

Trovare informazioni sensibili su Facebook con FBI

Trovare informazioni sensibili su Facebook con FBI

Questa guida, testata su Debian 10, fa vedere come dopo avere installato un interessante tool di Information gathering, FBI (Facebook Information)) si possono ottenere velocemente dati sensibili sui propri amici di Facebook.

$ sudo apt update; apt upgrade -y
$ sudo apt install git python2
$ git clone https://github.com/xHak9x/fbi.git
$ cd fbi/
$ sudo pip2 install -r requirements.txt

Avviare con:

$ python2 fbi.py

loggarsi con il proprio id facebook e dare il comando:

token

scaricare le info di tutti gli amici:

get_data
get_info

ottenere i numeri di telefono:

dump_phone

Trovare informazioni sensibili su Facebook con FBI

scoprire tutte le mail:

dump_mail

Trovare informazioni sensibili su Facebook con FBI

Trovare informazioni sensibili su Facebook con FBI

ecc. ecc. ecc.

enjoy 😉

Configurare Zoiper con credenziali Voip Vodafone

Configurare Zoiper con credenziali Voip VodafoneConfigurare Zoiper con credenziali Voip Vodafone

Come dicevo nella guida precedente, tutti gli operatori si sono adeguati alla delibera AGCOM 348/18/CONS, per il modem libero, quindi si posso richiedere al proprio provider le credenziali voip. Dopodichè si potrà utilizzare il proprio PC o Cellulare come telefono fisso. Nel caso di Vodafone basta richiederle tramite il 190, oppure tramite la chat TOBi come ho fatto io, quindi vi verrà mandato un sms con le credenziali:

Configurare Zoiper con credenziali Voip Vodafonea questo punto si può iniziare a configurare Zoiper, anche se le credenziali date così sono ingannevoli:

  1. Username: non è solo il numero di rete fissa bensì: +39_num_fisso@ims.vodafone.it
  2. Outbound Proxy: Voip3.fixed.vodafone.it = 83.224.127.3
  3. Password: 28 caratteri che può finire con il segno ” =

Configurazione Zoiper Desktop:

nell’ultimo screen si vede come non ho utilizzato nessun codec per far funzionare l’audio. Naturalmente servirà eventualmente settare il port forwarding verso le porte RTP.

Configurazione Zoiper per iOS:

Nel caso di Zoiper per iOS, bisogna registrarsi col solo numero di telefono:

Configurare Zoiper con credenziali Voip Vodafone

questo è tutto…per adesso!

enjoy 😉

Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U

Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U

Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U

Dopo la delibera AGCOM 348/18/CONS, per il modem libero anche l’Italia  si uniforma alla direttiva europea n. 2015/2120. Praticamente quasi tutti gli operatori si sono adeguati gradualmente dall’inizio dell’anno, e quindi si può decidere di sostituire il modem rilasciato dai provider, magari comprandone uno più performante. Ultima ad adeguarsi in ordine di tempo è stata Vodafone, che era in ritardo con la parte voce. Da qualche settimana Vodafone rilascia anche le credenziali Voip relative alla propria linea. Quindi adesso si può utilizzare un modem alternativo sia per la parte dati che per quella voce. Io ho utilizzato il mio fedele Asus DSL-AC68U, come modem router, anche se a differenza dei FRITZ!Box, non ha le analogiche, ma questo per me non è un problema, e sarà argomento di una prossima guida. Sul sito Vodafone vi sono elencati i Requisiti tecnici minimi, ed i Parametri di configurazione. Per quanto riguarda Asus DSL-AC68U, eseguire un factory reset e poi configurarlo con i parametri Vodafone. Di seguito i mei screen:

Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U

Sostituire Vodafone Station con ASUS DSL-AC68U

sopra lato wan ho lasciato il DNS in modo automatico, che mi servirà per la parte voce., argomento delle prossime due guide.

enjoy 😉