Backup incrementale con Tar

 

Backup incrementale con Tar

 

Backup incrementale con Tar è il titolo di questa guida, ma il sottotitolo potrebbe essere: come dormire sonni tranquilli facendo un backup incrementale, sicuro e veloce. Ci sono diversi strumenti con cui fare un backup dei propri dati, sia con programmi grafici, come luckyBackup, deja-dup o systemback-1.9.3, sia con strumenti da linea di comando, già presenti di default in Gnu-Linux. Tempo fa avevo gia fatto una guida sull’utilizzo di rsync come strumento di backup, invece questa guida mostrerà come ottenere un backup incrementale usando Tar.

Creazione di cartelle, sotto cartelle e files per testare il backup:

$ mkdir -p big-data/{backup,restore}
$ cd big-data/backup/
$ mkdir {1..4}
$ man ls > file1
$ man wc > file2
$ man tar > file3
$ man mv > file4
$ ls

output ls:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data/backup$ ls
1 2 3 4 file1 file2 file3 file4
$ cd ..
$ ls

output ls:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ ls
backup restore

Backup generale:

$ tar -czvg snapshot-file -f backup.tar.gz backup

output:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ tar -czvg snapshot-file -f backup.tar.gz backup
tar: backup: Directory is new
tar: backup/1: Directory is new
tar: backup/2: Directory is new
tar: backup/3: Directory is new
tar: backup/4: Directory is new
backup/
backup/1/
backup/2/
backup/3/
backup/4/
backup/file1
backup/file2
backup/file3
backup/file4

output ls:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ ls
backup backup.tar.gz restore snapshot-file

come si può vedere tutte le cartelle ed i files sono stati clonati nell’ archivio backup.tar.gz, mentre il file chiamato snapshot-file, si occuperà di tenere traccia dei cambiamenti. A questo punto il passo successivo sarà quello di andare ad inserire nella cartella di backup originale, altre cartelle e files così da testare il backup incrementale.

$ mkdir backup/{5..8} 
$ man sed > backup/file5 
$ ls backup/

output:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ ls backup/
1 2 3 4 5 6 7 8 file1 file2 file3 file4 file5

per ottenere un backup incrementale il comando da eseguire è come quello sopra, l’unica differenza sarà quella di personalizzare il nome del backup, in base alla data oppure con dei numeri:

$ tar -czvg snapshot-file -f 1-backup.tar.gz backup

output:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ tar -czvg snapshot-file -f 1-backup.tar.gz backup
tar: backup/5: Directory is new
tar: backup/6: Directory is new
tar: backup/7: Directory is new
tar: backup/8: Directory is new
backup/
backup/1/
backup/2/
backup/3/
backup/4/
backup/5/
backup/6/
backup/7/
backup/8/
backup/file5

per vedere le differenze dei due backup:

$ tar -tvf backup.tar.gz
$ tar -tvf 1-backup.tar.gz

output:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ tar -tvf backup.tar.gz
drwxr-xr-x edmond/edmond 41 2019-02-28 20:31 backup/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/1/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/2/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/3/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/4/
-rw-r--r-- edmond/edmond 7823 2019-02-28 20:30 backup/file1
-rw-r--r-- edmond/edmond 2026 2019-02-28 20:31 backup/file2
-rw-r--r-- edmond/edmond 45323 2019-02-28 20:31 backup/file3
-rw-r--r-- edmond/edmond 2989 2019-02-28 20:31 backup/file4
edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ tar -tvf 1-backup.tar.gz
drwxr-xr-x edmond/edmond 60 2019-02-28 20:51 backup/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/1/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/2/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/3/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/4/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:50 backup/5/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:50 backup/6/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:50 backup/7/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:50 backup/8/
-rw-r--r-- edmond/edmond 11183 2019-02-28 20:51 backup/file5

Ripristino Backup nella cartella restore:

$ tar -xvf 1-backup.tar.gz -C restore/

enjoy 😉

 

Muovere files diversi simultaneamente da terminale

Muovere files diversi simultaneamente da terminale

Guida su come muovere files con estensione diversa da una directory ad un’altra. Può capitare di avere all’interno di una directory centinaia di files, ma se si necessita di muoverne solo alcuni. Il comando mv sotto può venerci incontro:

$ mv dir1/*.{doc,pdf,jpg} dir2/

enjoy 😉

Anonsurf su Debian 10

Anonsurf su Debian 10

Anonsurf su Debian 10

Anonsurf è la modalità anonima di ParrotOS per forzare le connessioni attraverso Tor e/o la rete i2p.  Tor è un protocollo di crittografia SOCKS4 e SOCKS5. Tor esegue il tunnelling di tutto il traffico che circola nella rete dell’utente in modo anonimo. Tor nasconde la posizione di un utente e i dati di rete da chiunque monitora l’utente localmente e in remoto. L’utilizzo di Anonsurf si può avviare anche da terminale, ed oltre ad essere integrato in ParrotOS ed in Kali Linux, si può installare in Debian 9 Stretch o Debian 10 Buster.

$ sudo apt install git
$ git clone https://github.com/ParrotSec/anonsurf
$ cd anonsurf/
$ chmod a+x ./anonsurf.sh
$ sudo ./anonsurf.sh start

Anonsurf su Debian 10i comandi sono i seguenti:

anonsur start - Start system-wide TOR tunnel
anonsurf stop - Stop anonsurf and return to clearnet
anonsurf restart - Combines "stop" and "start" options
anonsurf changeid - Restart TOR to change identity
anonsurf status - Check if AnonSurf is working properly
anonsurf myip - Check your ip and verify your tor connection
anonsurf mymac - Check your mac and verify your change mac address

enjoy 😉

Video utilizzo Systemback-1.9.3

 

Video utilizzo Systemback-1.9.3

Questo video mostra come installare una copia del proprio OS, utilizzando Systemback-1.9.3. Nell’esempio sopra, utilizzo Ubuntu 18-04, installato in EFI mode. Nel caso si trattasse di una installazione in legacy mode, assicurarsi che il pacchetto grub-pc-bin sia installato correttamente, sopratutto se si parte da chiavetta usb live.

enjoy 😉

Creare una usb bootable Windows 10 da Gui Debian

Creare una usb bootable Windows 10 da Gui DebianCreare una usb bootable Windows 10 da Gui Debian

Guida su come creare una usb bootable con Windows 10 direttamente da Debian 9/10 utilizzando WoeUSB come Gui. Precedentemente avevo già fatto una guida, per lo stesso scopo, ma utilizzando solamente il terminale. Questo metodo è molto più semplice e veloce:

sudo apt install devscripts equivs git python3-pip
git clone https://github.com/slacka/WoeUSB.git
cd WoeUSB/
./setup-development-environment.bash
mk-build-deps
sudo dpkg -i woeusb-build-deps_*
dpkg-buildpackage -uc -b
sudo dpkg -i ../woeusb*.deb

in caso di problemi con le dipendenze digitare:

sudo apt install -f

enjoy 😉

Installare Oracle Java 10 su Debian 9-10 via APT

Installare Oracle Java 10 su Debian 9/10 via APTInstallare Oracle Java 10 su Debian 9-10 via APT

Ci sono diversi modi per installare Oracle Java su Debian, ma quello più comodo è aggiungere i repository di Linux Uprising:

ed usare apt:

sudo apt update
sudo apt upgrade -y
sudo apt install software-properties-common
sudo add-apt-repository ppa:linuxuprising/java
sudo apt update
sudo apt-key adv --keyserver keyserver.ubuntu.com --recv-keys EA8CACC073C3DB2A
sudo apt update
sudo apt install -y oracle-java10-installer
sudo update-alternatives --config java
sudo update-alternatives --config javac
sudo update-alternatives --config javaws

output:

edmond@debianbox:~$ sudo update-alternatives --config java
There are 3 choices for the alternative java (providing /usr/bin/java).

Selection Path Priority Status
------------------------------------------------------------
0 /usr/local/oracle-java-8/jdk1.8.0_191/bin/java 1500 auto mode
* 1 /usr/lib/jvm/java-10-oracle/bin/java 1091 manual mode
2 /usr/lib/jvm/java-8-openjdk-amd64/jre/bin/java 1081 manual mode
3 /usr/local/oracle-java-8/jdk1.8.0_191/bin/java 1500 manual mode

Press <enter> to keep the current choice[*], or type selection number:

Installare Oracle Java 10 su Debian 9-10 via APT

enjoy 😉

Aggiornare Owncloud alla versione 10.0.10 su Debian

Aggiornare Owncloud alla versione 10.0.10 su Debian
Aggiornare Owncloud alla versione 10.0.10 su Debian

Guida su come aggiornare Owncloud dalla versione 10.0.9 alla 10.0.10. Il miglior modo per effettuare l’aggiornamento è quello manuale. Il metodo che userò io è un pò “sporco”, ma secondo me risulta semplice veloce ed efficace. Aggiornare Owncloud alla versione 10.0.10 su Debian

Enable Maintenance Mode

cd /var/www/owncloud/
sudo -u www-data php occ maintenance:mode --on

Stop dei servizi essenziali

sudo service apache2 stop
sudo service cron stop

Download nuova versione

cd /opt/
sudo wget https://download.owncloud.org/community/owncloud-10.0.10.tar.bz2

Nel mio caso tenendo i miei DATI al di fuori della cartella Owncloud, procedo direttamente all’aggiornamento, sostituendo la cartella:

sudo tar xjvf owncloud-10.0.10.tar.bz2  -C /var/www/

Nel caso i DATI si trovassero all’interno della cartella Owncloud, allora bisognerà copiare il vecchio file di configurazione:

cd /opt/
sudo tar xjvf owncloud-10.0.10.tar.bz2
sudo cp /var/www/owncloud/config/config.php owncloud/config/config.php
sudo cp -R owncloud/ /var/www/

Aggiornamento

sudo -u www-data php /var/www/owncloud/occ upgrade

Attivazione servizi

sudo service cron start
sudo service apache2 start

Disable Maintenance Mode

cd /var/www/owncloud/
sudo -u www-data php occ maintenance:mode --off

enjoy 😉

HFS Http File Server su Debian Kali Parrot

 HFS Http File Server su Debian Kali Parrot

HFS Http File Server su Debian Kali Parrot

HFS è un  Http file server molto usato su Windows, ma volendo si può utilizzare anche su sistemi Linux. Io l'ho testato su Debian Stretch, su Kali Linux e su Parrot, e funziona benissimo. Di seguito la descrizione:

You can use HFS (HTTP File Server) to send and rceive files. It's different from classic file sharing because it uses web technology to be more compatible with today's Internet. It also differs from classic web servers because it's very easy to use and runs "right out-of-the box". Access your remote files, over the network. It has been successfully tested with Wine under Linux.

Installazione:

Scaricare hfs da git ed il file hfs.exe

git clone https://github.com/rejetto/hfs.git
cd hfs/
wget -c http://www.rejetto.com/hfs/download -O hfs.exe
sudo su
apt update; apt upgrade -y
dpkg --add-architecture i386
apt update; apt install wine32 -y

per avviare:

cd hfs/
wine hfs.exe

HFS Http File Server su Debian Kali Parrot

enjoy 😉

(Solved) Samba Computer in rete non visualizzati

(Solved) Samba Computer in rete non visualizzati

(Solved) Samba Computer in rete non visualizzati

In realtà il titolo doveva essere: (Solved) Samba e Computer in rete non visualizzati problema di accesso con password ed errori vari. Tutto questo perchè ho riscontrato problemi simili, su distribuzioni diverse, Debian Stretch, Ubuntu 18-10, Parrot OS. Ad ogni modo il tutto si risolve con piccoli ritocchi al file smb.conf.

sudo apt-get install samba samba-common python-glade2 smbclient
sudo nano /etc/samba/smb.conf

ed incollare nel menu [global]

workgroup = WORKGROUP
client use spnego = no
client ntlmv2 auth = no
client max protocol = NT1

dove le stringhe 2 e 3, evitano l'errore sotto indicato:

edmond@debianbox:~$ smbclient -L 192.168.1.1
WARNING: The "syslog" option is deprecated
Enter edmond's password:
Server does not support EXTENDED_SECURITY but 'client use spnego = yes and 'client ntlmv2 auth = yes'

mentre con la stringa 4 si potranno vedere i pc della nostra rete nel menu Network>Windows Network>Workgroup, ed in più dopo aver digitato la password finalmente si riesce ad accedere.

sudo reboot

(Solved) Samba Computer in rete non visualizzati

enjoy 😉

 

Trova Sostituisci ricorsivamente da terminale Linux

Trova  Sostituisci ricorsivamente da terminale Linux

Trova  Sostituisci ricorsivamente da terminale Linux

Per trovare e sostituire una parola in un file di testo è molto semplice, ed ogni sistema operativo offre una semplice interfaccia per ottenere questo. Ma se si ha una cartella con all'interno altre cartelle, che a loro volta contengono centinaia di files di testo, allora il lavoro si fa estremamente duro. Questa guida serve a semplificare tutto, ed il risultato sarà immediato e velocissimo. Gli strumenti che offre Gnu-Linux sono: Find, Grep, Sed.

trovare il testo:

grep -r "testo_da_trovare"

sostituire il testo:

find ./ -exec sed -i 's/testo_trovato/testo_da_sostituire/g' {} \;

Trova  Sostituisci ricorsivamente da terminale Linux

enjoy 😉