Systemback creazione iso superiore a 4 Giga

Systemback creazione iso superiore a 4 GigaSystemback creazione iso superiore a 4 Giga

Quando si usa systemback per la clonazione del proprio sistema in modalità live ed installabile, se la dimensione è inferiore ai 4 giga, il programma da la possibilità di convertirlo in .iso, mentre se è superiore c’è solo la possibilità di scriverlo direttamente su una pen drive. A questo proposito condividerò i comandi per potersi creare una immagine .iso bootable di dimensioni enormi da poter condividere. Tutto questo in attesa di un futuro aggiornamento ed alla risoluzione di alcuni bug. Quindi dopo aver utilizzato systemback abbiamo un file del tipo: systemback_live_2020-06-01.sblive

$ mkdir sblive/
$ sudo tar -xavf /home/systemback_live_2020-06-01.sblive -C sblive/
$ sudo chmod 777 -R sblive/
$ mv sblive/syslinux/syslinux.cfg sblive/syslinux/isolinux.cfg
$ mv sblive/syslinux/ sblive/isolinux/

creazione iso:

$ xorriso -as mkisofs -V sblive -J -l -b -isohybrid-mbr sblive/isolinux/ -c isolinux/boot.cat -b isolinux/isolinux.bin -iso-level 3 -no-emul-boot -boot-load-size 4 -boot-info-table -eltorito-alt-boot -e boot/grub/efi.img -no-emul-boot -isohybrid-gpt-basdat -o sblive.iso sblive

per ultimo utilizzare isohybrid per il boot in uefi:

$ isohybrid -h 256 -s 63 --uefi sblive.iso

Systemback creazione iso superiore a 4 Giga

enjoy 😉

 

Clonazione e backup di una partizione con rsync

Clonazione e backup di una partizione con rsyncClonazione e backup di una partizione con rsync

Per motivi lavorativi, e di sicurezza, ho sempre diverse partizioni su ssd separati. Quindi dopo aver installato la mia Debian, ed averla personalizzata con tutto quello che mi serve, subito dopo clono il tutto in pochi secondi e passaggi. Questo procedimento, utilizzando rsync, è fantastico in quanto lo esegui direttamente dal sistema che stai utilizzando. Nell’esempio sotto, la mia partizione dove andrò a clonare, è identificata come /dev/sda10.

$ su -
# apt install rsync

umount partizione EFI e mount partizione target

# umount /dev/sda1
# mount /dev/sda10 /mnt/
# rsync -aAXvP / --exclude={"/dev/*","/proc/*","/sys/*","/tmp/*","/run/*","/mnt/*","/media/*","/lost+found"} /mnt/

lanciare blkid per identificare UUID della partizione target e modificarla:

Clonazione e backup di una partizione con rsync

# blkid
# nano /mnt/etc/fstab

poi:

# umount /dev/sda10
# update-grub

Clonazione e backup di una partizione con rsync

enjoy 😉

 

Systemback 1.9.4 per Debian 10 Ubuntu 20.04

Systemback 1.9.4 per Debian 10 Ubuntu 20.04

Systemback 1.9.4 per Debian 10 Ubuntu 20.04

Nei giorni passati in lockdown per covid-19, ho dato un occhiata a systemback-1.9.3, adattandolo per farlo funzionare su Debian Buster 10, ed Ubuntu 20.04. Ho risolto alcuni bug, come la dimensione della distro installata tramite live, ed altre cosette. Ho fatto dei test su: Debian 10, Ubuntu 20.04, AV Linux e sembra funzionare perfettamente. Su derivate di Debian 10 si riscontrano dei problemi: come l’impossibilità di avvio in modalità UEFI. I pacchetti, ed il codice sorgente sono su Github e su Sourceforge.

Installazione da Sourceforge:

Download

$ cd Downloads/
$ tar xvf systemback-install_pack-1.9.4.tar.gz
$ cd systemback-install_pack-1.9.4/
$ chmod +x install.sh
$ sudo ./install.sh

 

Installazione Github:

$ git clone https://github.com/fconidi/systemback-install_pack-1.9.4.git
$ cd systemback-install_pack-1.9.4/
$ chmod +x install.sh
$ sudo ./install.sh

Systemback 1.9.4 per Debian 10 Ubuntu 20.04

BUG

con Mate Desktop ci sono problemi con caja, dove si è impossibilitati ad aprire il file manager e dove le cartelle,  non si aprono e non si vedono sul desktop. Praticamente ci sono dei problemi di link simbolici, quindi bisogna ricrearli:

Montare la partizione dove si è installato la copia Debian based. Ipotizzando che la partizione sia /dev/sda3:

# su -
# mount /dev/sda3 /mnt/
# cd /mnt/
# rm -rf bin/
# ln -s usr/bin/ bin
# rm -rf lib/
# ln -s usr/lib/ lib
# rm -rf lib32/
# ln -s usr/lib32/ lib32
# rm -rf lib64/
# ln -s usr/lib64/ lib64
# rm -rf libx32/
# ln -s usr/libx32/ libx32

Systemback 1.9.4 per Debian 10 Ubuntu 20.04

enjoy 😉

 

Pen drive con Debian Buster Live Custom Persistente Criptata

Pen drive con Debian Buster Live Custom Persistente CriptataPen drive con Debian Buster Live Custom Persistente Criptata

Guida su come creare una chiavetta usb, equipaggiata con Debian Buster, in  modalità Live, con partizione persistente, e boot in  UEFI mode. L’obiettivo è quello di avere una usb bootable con i propri tools preferiti, e che ci permette di navigare in internet in piena sicurezza senza rinunciare ad una partizione dove poter stipare tutti i dati sensibili. Per cifrare la partizione persistente userò LUKS. Tutti i comandi verranno eseguiti come root, con il comando ” su  – ” per non avere errori simili a questo:

Pacchetti da installare:

# su -
# apt install fuse libfuse-dev libicu-dev bzip2 libbz2-dev cmake clang git libattr1-dev zlib1g-dev libfuse3-dev debootstrap squashfs-tools rsync

Creazione Environment:

# mkdir $HOME/debian_live
# debootstrap --arch=amd64 --variant=minbase buster $HOME/debian_live/chroot http://ftp.it.debian.org/debian/
# chroot $HOME/debian_live/chroot
# echo "debian-live" > /etc/hostname
# echo 'deb http://ftp.it.debian.org/debian/ buster main contrib non-free' > /etc/apt/sources.list
# apt update

Installazione kernel:

# apt-cache search linux-image
# apt install -y linux-image-4.19.0-6-amd64 linux-headers-4.19.0-6-amd64

Installazione dei pacchetti personalizzati (nel mio caso quelli sotto)

# apt install -y mate-desktop-environment-extra task-laptop xorg xinit xserver-xorg-input-evdev xserver-xorg-input-libinput xserver-xorg-input-kbd live-boot systemd-sysv network-manager net-tools wireless-tools nano gparted x11-xserver-utils x11-utils pciutils usbutils ntfs-3g rsync dosfstools syslinux firefox-esr chromium xserver-xorg-input-synaptics vpnc network-manager-gnome network-manager-vpnc-gnome network-manager-openvpn-gnome gtkterm vsftpd putty openssh-client firmware-linux-nonfree firmware-iwlwifi firmware-linux-free vlc terminator synaptic p7zip-full rar unrar zip ssh wget curl mesa-utils dnsmasq grub2-common grub-efi-amd64 grub-pc-bin xkb-data keyboard-configuration tzdata locales encfs wireshark-gtk aircrack-ng nmap zenmap

a questo punto abbiamo bisogno di installare la versione di cryptsetup 2:2.2.1-1  presente nei repo testing, per evitare il problema di cui sotto:

cryptsetup: WARNING: The initramfs image may not contain cryptsetup binaries
nor crypto modules. If that's on purpose, you may want to uninstall the
'cryptsetup-initramfs' package in order to disable the cryptsetup initramfs

Aggiungere i repo testing ed installare cryptsetup:

# echo 'deb http://ftp.it.debian.org/debian/ testing main contrib non-free' > /etc/apt/sources.list
# apt update
# apt install -t testing cryptsetup
# apt clean

Reinserire i repo stable:

# echo 'deb http://ftp.it.debian.org/debian/ buster main contrib non-free' > /etc/apt/sources.list
# apt update

Aggiungere utenti e password:

# passwd root
# adduser nome_utente
# exit

Comprimere il tutto in uno squash filesystem:

# mkdir -p $HOME/debian_live/image/
# mksquashfs $HOME/debian_live/chroot $HOME/debian_live/image/filesystem.squashfs -noappend -e boot

Copiare kernel e initramfs fuori chroot:

# cp $HOME/debian_live/chroot/boot/vmlinuz-4.19.0-6-amd64 $HOME/debian_live/image/vmlinuz-4.19.0-6-amd64
# cp $HOME/debian_live/chroot/boot/initrd.img-4.19.0-6-amd64 $HOME/debian_live/image/initrd.img-4.19.0-6-amd64

Preparazione chiavetta usb: (nel mio caso /dev/sdb di 16G). Negli steps successivi verranno create 3 partizioni:

  1. partizione in fat32 EFI
  2. partizione in fat32 che contiene il sistema Linux
  3. partizione in ext4 persistente criptata con LUKS
# fdisk -l
# umount /dev/sdb*
# dd count=1 bs=512 if=/dev/zero of=/dev/sdb
# parted -s -- /dev/sdb mktable gpt mkpart efi 1 100M set 1 boot on
# parted -s -- /dev/sdb mkpart system 100 2G
# parted -s -- /dev/sdb mkpart persistence 2G 16G
# mkdir -p /mnt/{usb,efi,persistence}
# mkfs.fat -F32 -n EFI /dev/sdb1
# mkfs.fat -F32 -n SYSTEM /dev/sdb2
# mkfs.ext4 -L persistence /dev/sdb3

Montaggio delle partizioni EFI e di Sistema:

# mount /dev/sdb1 /mnt/efi/
# mount /dev/sdb2 /mnt/usb/

Installazione di Grub-EFI:

# grub-install --target=x86_64-efi --efi-directory=/mnt/efi --boot-directory=/mnt/usb/boot --removable --recheck

Copiare il sistema nella seconda partizione:

# rsync -rv $HOME/debian_live/image/ /mnt/usb/live/

Creare il file grub.cfg:

# nano /mnt/usb/boot/grub/grub.cfg

ed incollare dentro:

set default="0"
set timeout=3
menuentry "Debian Custom Live" {
linux /live/vmlinuz-4.19.0-6-amd64 boot=live persistence persistence-encryption=luks
initrd /live/initrd.img-4.19.0-6-amd64
}

Creazione della partizione persistente criptata con LUKS:

# cryptsetup --verbose --verify-passphrase luksFormat /dev/sdb3

rispondere YES e creare la password:

# cryptsetup luksOpen /dev/sdb3 live
# mkfs.ext4 -L persistence /dev/mapper/live
# mount /dev/mapper/live /mnt/usb
# echo "/ union" > /mnt/usb/persistence.conf
# umount /mnt/usb/
# cryptsetup luksClose live
# umount /dev/sdb*
# exit

sopra non abbiamo fatto altro che creare una cartella live che verrà montata in /dev/mapper/, ed aprire e chiudere la partizione persistente. Per accedere alla partizione da adesso in poi bisognerà digitare una password al boot, dopodichè si potranno mettere i files importanti da portarsi dietro. Al primo avvio dare i comandi:

# apt update
# apt upgrade
# apt install -f

Pen drive con Debian Buster Live Custom Persistente Criptata

enjoy 😉

 

Anonsurf su Debian 10

Anonsurf su Debian 10

Anonsurf su Debian 10

Anonsurf è la modalità anonima di ParrotOS per forzare le connessioni attraverso Tor e/o la rete i2p.  Tor è un protocollo di crittografia SOCKS4 e SOCKS5. Tor esegue il tunnelling di tutto il traffico che circola nella rete dell’utente in modo anonimo. Tor nasconde la posizione di un utente e i dati di rete da chiunque monitora l’utente localmente e in remoto. L’utilizzo di Anonsurf si può avviare anche da terminale, ed oltre ad essere integrato in ParrotOS ed in Kali Linux, si può installare in Debian 9 Stretch o Debian 10 Buster.

$ sudo apt install git
$ git clone https://github.com/ParrotSec/anonsurf
$ cd anonsurf/
$ chmod a+x ./anonsurf.sh
$ sudo ./anonsurf.sh start

Anonsurf su Debian 10i comandi sono i seguenti:

anonsur start - Start system-wide TOR tunnel
anonsurf stop - Stop anonsurf and return to clearnet
anonsurf restart - Combines "stop" and "start" options
anonsurf changeid - Restart TOR to change identity
anonsurf status - Check if AnonSurf is working properly
anonsurf myip - Check your ip and verify your tor connection
anonsurf mymac - Check your mac and verify your change mac address

enjoy 😉

Video utilizzo Systemback-1.9.3

 

Video utilizzo Systemback-1.9.3

Questo video mostra come installare una copia del proprio OS, utilizzando Systemback-1.9.3. Nell’esempio sopra, utilizzo Ubuntu 18-04, installato in EFI mode. Nel caso si trattasse di una installazione in legacy mode, assicurarsi che il pacchetto grub-pc-bin sia installato correttamente, sopratutto se si parte da chiavetta usb live.

enjoy 😉

Systemback 1.9.3 per Debian 9 Ubuntu 17-10 18-04

Systemback 1.9.3 per Debian 9 Ubuntu 17-10 18-04

update 26/01/2019

Systemback 1.9.3 per Debian 9 Ubuntu 17-10 18-04

Nuovo aggiornamento per Systemback che arriva alla versione 1.9.3, aggiungendo i pacchetti e la compatibilità con Ubuntu 17-10 ed Ubuntu 18-04. In questa versione, oltre a qualche vezzo, ed alcuni bug fix, ho aggiunto anche il supporto per SSD NVMe, anche se al momento funziona meglio se si ha già una partizione pronta all’uso. Tenendo conto che è un lavoro che faccio a tempo perso ogni feed e commento saranno bene accetti.

DOWNLOAD SYSTEMBACK-1.9.3

DOWNLOAD SOURCE

poi:

$ cd Downloads/
$ tar xvf systemback-install_pack-1.9.3.tar.xz
$ cd systemback-install_pack-1.9.3/
$ sudo apt-get install unionfs-fuse live-boot
$ sudo apt-get install grub2-common grub-efi-amd64-bin grub-pc-bin
$ sudo ./install.sh
$ sudo apt-get install -f 

DEBIAN 32 BIT

cercando di installare Systemback-1.9.3 su Debian Stretch 32 bit e non solo, si verifica l’errore di versione per i pacchetti: libqt5core5a (>= 5.10.0) e libqt5gui5. Si risolve aggiornando i pacchetti dai repo testing:

# nano /etc/apt/sources.list

ed aggiungere:

deb http://ftp.it.debian.org/debian/ testing main non-free contrib

poi affinchè non si aggiorni tutto il sistema, andiamo a creare un file , dove diremo che, la priorità dei pacchetti è solo quella della versione della distro installata, e cioè in questo caso stable/stretch:

# nano /etc/apt/apt.conf.d/99defaultrelease

ed incollare dentro:

APT::Default-Release "stable";

a questo punto siamo pronti ad installare la versione dei pacchetti aggiornati:

# apt update
# apt install -t testing libqt5core5a libqt5gui5

poi si potrà proseguire con l’installazione di systemback-1.9.3

Systemback 1.9.3 per Debian 9 Ubuntu 17-10 18-04

enjoy 😉

 

Come cancellare password login Windows da Linux

Come cancellare password login Windows da Linux

Come cancellare password login Windows da Linux

How to su come cancellare o cambiare la password di login su Windows 10, utilizzando una distribuzione Linux. Può succedere di non ricordarsi della password di login per accedere al proprio pc, oppure volutamente (illegale) entrare in un account di cui non si possiede l'autorizzazione. Esistono diversi modi per fare questo, ma un modo abbastanza semplice è quello di usare una distribuzione live e l'utility chntpw. Quindi dopo avere avviato il pc target da live, installare chntpw:

# apt install chntpw -y

identificare la partizione Windows:

# fdisk -l

ipotizzando che la partizione sia la /dev/sda7, i passi da eseguire sono i seguenti:

# mkdir /mnt/windows
# mount /dev/sda7 /mnt/windows/
# cd /mnt/windows/Windows/System32/config

editare il database SAM premendo 1:

# chntpw -i SAM

scegliere l'utente:

Come cancellare password login Windows da Linux

poi cancellare o cambiare la password:

Come cancellare password login Windows da Linux Come cancellare password login Windows da Linux

Come cancellare password login Windows da Linux

# cd --
# umount /dev/sda7

a questo punto dopo avere riavviato saremo in grado di accedere al pc Windows.

enjoy 😉

Systemback 1.9.2 su Debian Stretch

 

Systemback 1.9.2 su Debian Stretch

Systemback 1.9.2 su Debian Stretch

Nuova versione di Systemback, con alcuni bug fix. Purtroppo non avendo molto tempo a disposizione, man mano che lo uso e mi accorgo di qualche bug, proverò a risolverlo. Ogni feed sarà ben accetto.

Download systemback-1.9.2

poi:

$ tar xvf systemback-1.9.2-x86-x64.tar.xz
$ cd systemback-1.9.2-x86-x64/
$ sudo ./install.sh

Systemback 1.9.2 su Debian Stretch

enjoy 😉

Systemback 1.9.1 compatibile con Debian Stretch

Systemback 1.9.1 compatibile con Debian Stretch

Systemback 1.9.1 compatibile con Debian Stretch

Come avevo scritto un po' di tempo fa, avevo in mente di prendere in mano Systemback non piu supportato, e farlo funzionare bene su Debian 9 Stretch. Dopo un primo approccio "leggero" da parte mia, alcuni utenti mi hanno segnalato l'errore "can't mount live image ..installation aborted", che in effetti si presenta nel momento in cui si cerca d'installare il sistema dalla Debian Live creata, Avendo avuto un po' di tempo, mi ci sono messo sotto con più impegno e credo di aver risolto il problema, ed adesso Systemback-1.9.1 è totalmente compatibile con Debian 9.4. A questo proposito chiedo qualche feed da chi vorrà utilizzarlo.

Download systemback-1.9.1

poi:

$ tar xvf systemback-1.9.1-x86-x64.tar.xz
$ cd systemback-1.9.1-x86-x64/
$ sudo ./install.sh

Systemback 1.9.1 compatibile con Debian Stretch

enjoy 😉