Onedrive su Debian 10 con rclone

Onedrive su Debian 10 con rcloneOnedrive su Debian 10 con rclone

Guida su come connettere il proprio account OneDrive, da linea di comando, utilizzando rclone.

Installazione di rclone:

$ sudo apt install rclone fuse

Configurazione:

$ rclone config

output:

edmond@edmondbox:~$ rclone config
2020/05/25 18:25:55 NOTICE: Config file "/home/edmond/.config/rclone/rclone.conf" not found - using defaults
No remotes found - make a new one
n) New remote
s) Set configuration password
q) Quit config
n/s/q> n
name> myonedrive
Type of storage to configure.
Enter a string value. Press Enter for the default ("").
Choose a number from below, or type in your own value
1 / A stackable unification remote, which can appear to merge the contents of several remotes
\ "union"
2 / Alias for a existing remote
\ "alias"
3 / Amazon Drive
\ "amazon cloud drive"
4 / Amazon S3 Compliant Storage Providers (AWS, Ceph, Dreamhost, IBM COS, Minio)
\ "s3"
5 / Backblaze B2
\ "b2"
6 / Box
\ "box"
7 / Cache a remote
\ "cache"
8 / Dropbox
\ "dropbox"
9 / Encrypt/Decrypt a remote
\ "crypt"
10 / FTP Connection
\ "ftp"
11 / Google Cloud Storage (this is not Google Drive)
\ "google cloud storage"
12 / Google Drive
\ "drive"
13 / Hubic
\ "hubic"
14 / JottaCloud
\ "jottacloud"
15 / Local Disk
\ "local"
16 / Microsoft Azure Blob Storage
\ "azureblob"
17 / Microsoft OneDrive
\ "onedrive"
18 / OpenDrive
\ "opendrive"
19 / Openstack Swift (Rackspace Cloud Files, Memset Memstore, OVH)
\ "swift"
20 / Pcloud
\ "pcloud"
21 / SSH/SFTP Connection
\ "sftp"
22 / Webdav
\ "webdav"
23 / Yandex Disk
\ "yandex"
24 / http Connection
\ "http"
Storage> 17
** See help for onedrive backend at: https://rclone.org/onedrive/ **

Microsoft App Client Id
Leave blank normally.
Enter a string value. Press Enter for the default ("").
client_id>
Microsoft App Client Secret
Leave blank normally.
Enter a string value. Press Enter for the default ("").
client_secret>
Edit advanced config? (y/n)
y) Yes
n) No
y/n> n
Remote config
Use auto config?
* Say Y if not sure
* Say N if you are working on a remote or headless machine
y) Yes
n) No
y/n> y
If your browser doesn't open automatically go to the following link: http://127.0.0.1:53682/auth
Log in and authorize rclone for access
Waiting for code...
Got code

Autorizzare rclone come app sicura:

Onedrive su Debian 10 con rclone

Choose a number from below, or type in an existing value
1 / OneDrive Personal or Business
\ "onedrive"
2 / Root Sharepoint site
\ "sharepoint"
3 / Type in driveID
\ "driveid"
4 / Type in SiteID
\ "siteid"
5 / Search a Sharepoint site
\ "search"
Your choice> 1
Found 1 drives, please select the one you want to use:
0: (personal) id=72593143d3aac403
Chose drive to use:> 0
Found drive 'root' of type 'personal', URL: https://onedrive.live.com/?cid=72593143d3aac403
Is that okay?
y) Yes
n) No
y/n> y
--------------------
[myonedrive]
token = {"access_token":"EwBoA8l6BAAUO9chh8cJscQLmU+LSWpbnr0vmwwAAcTsM8GrYTxDxI5BKZdaB","expiry":"2020-05-25T19:26:56.661526715+02:00"}
drive_id = 72593143d3aac403
drive_type = personal
--------------------
y) Yes this is OK
e) Edit this remote
d) Delete this remote
y/e/d> y
Current remotes:

Name Type
==== ====
myonedrive onedrive

e) Edit existing remote
n) New remote
d) Delete remote
r) Rename remote
c) Copy remote
s) Set configuration password
q) Quit config
e/n/d/r/c/s/q> q
edmond@edmondbox:~$

creazione punto di mount e montaggio utilizzando fuse:

$ mkdir ~/onedrive
$ rclone mount --daemon --vfs-cache-mode writes myonedrive: ~/onedrive

al posto di writes si può utilizzare full, per scaricare tutto in locale. La locazione del file di configurazione si trova col comando:

$ rclone config file

Come alternativa esiste il pacchetto deb di OneDrive che si trova in Debian Sid, ma che io non ho testato.

Onedrive su Debian 10 con rclone

enjoy 😉

Clonazione e backup di una partizione con rsync

Clonazione e backup di una partizione con rsyncClonazione e backup di una partizione con rsync

Per motivi lavorativi, e di sicurezza, ho sempre diverse partizioni su ssd separati. Quindi dopo aver installato la mia Debian, ed averla personalizzata con tutto quello che mi serve, subito dopo clono il tutto in pochi secondi e passaggi. Questo procedimento, utilizzando rsync, è fantastico in quanto lo esegui direttamente dal sistema che stai utilizzando. Nell’esempio sotto, la mia partizione dove andrò a clonare, è identificata come /dev/sda10.

$ su -
# apt install rsync

umount partizione EFI e mount partizione target

# umount /dev/sda1
# mount /dev/sda10 /mnt/
# rsync -aAXvP / --exclude={"/dev/*","/proc/*","/sys/*","/tmp/*","/run/*","/mnt/*","/media/*","/lost+found"} /mnt/

lanciare blkid per identificare UUID della partizione target e modificarla:

Clonazione e backup di una partizione con rsync

# blkid
# nano /mnt/etc/fstab

poi:

# umount /dev/sda10
# update-grub

Clonazione e backup di una partizione con rsync

enjoy 😉

 

Systemback 1.9.4 per Debian 10 Ubuntu 20.04

Systemback 1.9.4 per Debian 10 Ubuntu 20.04

Systemback 1.9.4 per Debian 10 Ubuntu 20.04

Nei giorni passati in lockdown per covid-19, ho dato un occhiata a systemback-1.9.3, adattandolo per farlo funzionare su Debian Buster 10, ed Ubuntu 20.04. Ho risolto alcuni bug, come la dimensione della distro installata tramite live, ed altre cosette. Ho fatto dei test su: Debian 10, Ubuntu 20.04, AV Linux e sembra funzionare perfettamente. Su derivate di Debian 10 si riscontrano dei problemi: come l’impossibilità di avvio in modalità UEFI. I pacchetti, ed il codice sorgente sono su Github e su Sourceforge.

Installazione da Sourceforge:

Download

$ cd Downloads/
$ tar xvf systemback-install_pack-1.9.4.tar.gz
$ cd systemback-install_pack-1.9.4/
$ chmod +x install.sh
$ sudo ./install.sh

 

Installazione Github:

$ git clone https://github.com/fconidi/systemback-install_pack-1.9.4.git
$ cd systemback-install_pack-1.9.4/
$ chmod +x install.sh
$ sudo ./install.sh

Systemback 1.9.4 per Debian 10 Ubuntu 20.04

BUG

con Mate Desktop ci sono problemi con caja, dove si è impossibilitati ad aprire il file manager e dove le cartelle,  non si aprono e non si vedono sul desktop. Praticamente ci sono dei problemi di link simbolici, quindi bisogna ricrearli:

Montare la partizione dove si è installato la copia Debian based. Ipotizzando che la partizione sia /dev/sda3:

# su -
# mount /dev/sda3 /mnt/
# cd /mnt/
# rm -rf bin/
# ln -s usr/bin/ bin
# rm -rf lib/
# ln -s usr/lib/ lib
# rm -rf lib32/
# ln -s usr/lib32/ lib32
# rm -rf lib64/
# ln -s usr/lib64/ lib64
# rm -rf libx32/
# ln -s usr/libx32/ libx32

Systemback 1.9.4 per Debian 10 Ubuntu 20.04

enjoy 😉

 

Backup incrementale con Tar

 

Backup incrementale con Tar

 

Backup incrementale con Tar è il titolo di questa guida, ma il sottotitolo potrebbe essere: come dormire sonni tranquilli facendo un backup incrementale, sicuro e veloce. Ci sono diversi strumenti con cui fare un backup dei propri dati, sia con programmi grafici, come luckyBackup, deja-dup o systemback-1.9.3, sia con strumenti da linea di comando, già presenti di default in Gnu-Linux. Tempo fa avevo gia fatto una guida sull’utilizzo di rsync come strumento di backup, invece questa guida mostrerà come ottenere un backup incrementale usando Tar.

Creazione di cartelle, sotto cartelle e files per testare il backup:

$ mkdir -p big-data/{backup,restore}
$ cd big-data/backup/
$ mkdir {1..4}
$ man ls > file1
$ man wc > file2
$ man tar > file3
$ man mv > file4
$ ls

output ls:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data/backup$ ls
1 2 3 4 file1 file2 file3 file4
$ cd ..
$ ls

output ls:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ ls
backup restore

Backup generale:

$ tar -czvg snapshot-file -f backup.tar.gz backup

output:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ tar -czvg snapshot-file -f backup.tar.gz backup
tar: backup: Directory is new
tar: backup/1: Directory is new
tar: backup/2: Directory is new
tar: backup/3: Directory is new
tar: backup/4: Directory is new
backup/
backup/1/
backup/2/
backup/3/
backup/4/
backup/file1
backup/file2
backup/file3
backup/file4

output ls:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ ls
backup backup.tar.gz restore snapshot-file

come si può vedere tutte le cartelle ed i files sono stati clonati nell’ archivio backup.tar.gz, mentre il file chiamato snapshot-file, si occuperà di tenere traccia dei cambiamenti. A questo punto il passo successivo sarà quello di andare ad inserire nella cartella di backup originale, altre cartelle e files così da testare il backup incrementale.

$ mkdir backup/{5..8} 
$ man sed > backup/file5 
$ ls backup/

output:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ ls backup/
1 2 3 4 5 6 7 8 file1 file2 file3 file4 file5

per ottenere un backup incrementale il comando da eseguire è come quello sopra, l’unica differenza sarà quella di personalizzare il nome del backup, in base alla data oppure con dei numeri:

$ tar -czvg snapshot-file -f 1-backup.tar.gz backup

output:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ tar -czvg snapshot-file -f 1-backup.tar.gz backup
tar: backup/5: Directory is new
tar: backup/6: Directory is new
tar: backup/7: Directory is new
tar: backup/8: Directory is new
backup/
backup/1/
backup/2/
backup/3/
backup/4/
backup/5/
backup/6/
backup/7/
backup/8/
backup/file5

per vedere le differenze dei due backup:

$ tar -tvf backup.tar.gz
$ tar -tvf 1-backup.tar.gz

output:

edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ tar -tvf backup.tar.gz
drwxr-xr-x edmond/edmond 41 2019-02-28 20:31 backup/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/1/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/2/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/3/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/4/
-rw-r--r-- edmond/edmond 7823 2019-02-28 20:30 backup/file1
-rw-r--r-- edmond/edmond 2026 2019-02-28 20:31 backup/file2
-rw-r--r-- edmond/edmond 45323 2019-02-28 20:31 backup/file3
-rw-r--r-- edmond/edmond 2989 2019-02-28 20:31 backup/file4
edmond@debianbox:~/Desktop/big-data$ tar -tvf 1-backup.tar.gz
drwxr-xr-x edmond/edmond 60 2019-02-28 20:51 backup/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/1/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/2/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/3/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:30 backup/4/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:50 backup/5/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:50 backup/6/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:50 backup/7/
drwxr-xr-x edmond/edmond 1 2019-02-28 20:50 backup/8/
-rw-r--r-- edmond/edmond 11183 2019-02-28 20:51 backup/file5

Ripristino Backup nella cartella restore:

$ tar -xvf 1-backup.tar.gz -C restore/

enjoy 😉

 

Video utilizzo Systemback-1.9.3

 

Video utilizzo Systemback-1.9.3

Questo video mostra come installare una copia del proprio OS, utilizzando Systemback-1.9.3. Nell’esempio sopra, utilizzo Ubuntu 18-04, installato in EFI mode. Nel caso si trattasse di una installazione in legacy mode, assicurarsi che il pacchetto grub-pc-bin sia installato correttamente, sopratutto se si parte da chiavetta usb live.

enjoy 😉

Systemback 1.9.3 per Debian 9 Ubuntu 17-10 18-04

Systemback 1.9.3 per Debian 9 Ubuntu 17-10 18-04

update 26/01/2019

Systemback 1.9.3 per Debian 9 Ubuntu 17-10 18-04

Nuovo aggiornamento per Systemback che arriva alla versione 1.9.3, aggiungendo i pacchetti e la compatibilità con Ubuntu 17-10 ed Ubuntu 18-04. In questa versione, oltre a qualche vezzo, ed alcuni bug fix, ho aggiunto anche il supporto per SSD NVMe, anche se al momento funziona meglio se si ha già una partizione pronta all’uso. Tenendo conto che è un lavoro che faccio a tempo perso ogni feed e commento saranno bene accetti.

DOWNLOAD SYSTEMBACK-1.9.3

DOWNLOAD SOURCE

poi:

$ cd Downloads/
$ tar xvf systemback-install_pack-1.9.3.tar.xz
$ cd systemback-install_pack-1.9.3/
$ sudo apt-get install unionfs-fuse live-boot
$ sudo apt-get install grub2-common grub-efi-amd64-bin grub-pc-bin
$ sudo ./install.sh
$ sudo apt-get install -f 

DEBIAN 32 BIT

cercando di installare Systemback-1.9.3 su Debian Stretch 32 bit e non solo, si verifica l’errore di versione per i pacchetti: libqt5core5a (>= 5.10.0) e libqt5gui5. Si risolve aggiornando i pacchetti dai repo testing:

# nano /etc/apt/sources.list

ed aggiungere:

deb http://ftp.it.debian.org/debian/ testing main non-free contrib

poi affinchè non si aggiorni tutto il sistema, andiamo a creare un file , dove diremo che, la priorità dei pacchetti è solo quella della versione della distro installata, e cioè in questo caso stable/stretch:

# nano /etc/apt/apt.conf.d/99defaultrelease

ed incollare dentro:

APT::Default-Release "stable";

a questo punto siamo pronti ad installare la versione dei pacchetti aggiornati:

# apt update
# apt install -t testing libqt5core5a libqt5gui5

poi si potrà proseguire con l’installazione di systemback-1.9.3

Systemback 1.9.3 per Debian 9 Ubuntu 17-10 18-04

enjoy 😉

 

Systemback 1.9.2 su Debian Stretch

 

Systemback 1.9.2 su Debian Stretch

Systemback 1.9.2 su Debian Stretch

Nuova versione di Systemback, con alcuni bug fix. Purtroppo non avendo molto tempo a disposizione, man mano che lo uso e mi accorgo di qualche bug, proverò a risolverlo. Ogni feed sarà ben accetto.

Download systemback-1.9.2

poi:

$ tar xvf systemback-1.9.2-x86-x64.tar.xz
$ cd systemback-1.9.2-x86-x64/
$ sudo ./install.sh

Systemback 1.9.2 su Debian Stretch

enjoy 😉

Owncloud 10 su Raspberry Pi 3 e Raspbian Stretch

 

Owncloud 10 su Raspberry Pi 3 e Raspbian Stretch

Owncloud 10 su Raspberry Pi 3 e Raspbian Stretch

Guida su come installare owncloud 10 su Raspberry Pi 3 con già installato Raspbian Stretch. Io ho sempre usato uno dei miei Raspberry come server cloud, accessibile soprattutto da remoto. In questa guida non mi soffermerò sui problemi di sicurezza ed i modi per limitare i danni derivanti da una macchina esposta su internet, ma bensì mi limiterò ai soli step per avere un server cloud pronto all'uso. Io preferisco archiviare i dati direttamente su una chiavetta usb da 128G, piuttosto che direttamente sul raspberry. Quindi, dopo avere installato Raspbian Stretch ed aver collegato alla porta usb la pen drive, servendosi di una prolunga usb che servirà a dissipare il calore, siamo pronti ad iniziare.

$ sudo su
# apt update; apt upgrade
# apt install apache2 mariadb-server libapache2-mod-php7.0 php7.0-gd php7.0-json php7.0-mysql php7.0-curl php7.0-intl php7.0-mcrypt php-imagick php7.0-zip php7.0-xml php7.0-mbstring ntfs-3g fail2ban
# cd /tmp
# wget https://download.owncloud.org/community/owncloud-10.0.7.tar.bz2
# tar -xvf owncloud-10.0.7.tar.bz2
# chown -R www-data:www-data owncloud
# mv owncloud /var/www/html/
# nano /etc/apache2/sites-available/owncloud.conf

ed incollare dentro:

Alias /owncloud "/var/www/html/owncloud/"

<Directory /var/www/html/owncloud/>
 Options +FollowSymlinks
 AllowOverride All

<IfModule mod_dav.c>
 Dav off
 </IfModule>

SetEnv HOME /var/www/html/owncloud
SetEnv HTTP_HOME /var/www/html/owncloud

</Directory>
# ln -s /etc/apache2/sites-available/owncloud.conf /etc/apache2/sites-enabled/owncloud.conf
# systemctl start apache2
# systemctl enable apache2

Creazione database ed user mysql:

# mysql -u root -p

inserire password di root, e poi i 5 comandi sotto, e settare la password per l'utente owncloud:

1) create database owncloud;
2) create user owncloud@localhost identified by 'password';
3) grant all privileges on owncloud.* to owncloud@localhost identified by 'password';
4) flush privileges;
5) exit;

Web Server Apache2 con SSL

sotto ci saranno alcune voci da riempire, ma quella più importante è COMMON NAME, che io ho fatto puntare al mio hostname DynDNS per l'accesso da remoto:

Owncloud 10 su Raspberry Pi 3 e Raspbian Stretch

Owncloud 10 su Raspberry Pi 3 e Raspbian Stretch

# cd --
# openssl genrsa -out server.key 4096
# openssl req -new -key server.key -out server.csr
# openssl x509 -req -days 1825 -in server.csr -signkey server.key -out server.crt -sha256
# chmod 400 server.key
# a2ensite default-ssl.conf
# systemctl reload apache2
# a2enmod ssl
# systemctl restart apache2

configurazione apache2:

# nano /etc/apache2/sites-available/default-ssl.conf

che dovrà essere come sotto, aggiungendo ip del server cloud, modificando le voci DocumentRoot, SSLCertificateFile, SSLCertificateKeyFile , e commentando le altre voci che fanno riferimento a SSL.

        <VirtualHost _default_:443>
                ServerAdmin webmaster@localhost
                ServerName IP-SERVER:443
                DocumentRoot /var/www/html/owncloud
                SSLCertificateFile /root/server.crt
                SSLCertificateKeyFile /root/server.key
# nano /etc/apache2/sites-available/000-default.conf

la DocumentRoot dovrà essere come sotto:

DocumentRoot /var/www/html/owncloud
# nano /etc/php/7.0/apache2/php.ini

fare una modifica al file php.ini, nella sezione File Uploads, portando upload_max_filesize = 5000.

# sed -i 's/AllowOverride None/AllowOverride All/'  /etc/apache2/apache2.conf
# systemctl restart apache2

creazione della cartella di storage e relativi permessi:

# mkdir /media/owncloud-usb
# groupadd www-data
# usermod -a -G www-data www-data
# chown -R www-data:www-data /media/owncloud-usb
# chmod -R 775 /media/owncloud-usb

a questo punto abbiamo bisogno di conoscere UUID della chiavetta usb ed user e group di www-data, che serviranno per configurare /etc/fstab per il montaggio automatico:

# id -u www-data; id -g www-data
# blkid
# nano /etc/fstab

ed aggiungere in una sola riga qualcosa del genere in /etc/fstab:

UUID=32E49E5027A4F8A7 /media/owncloud-usb auto nofail,uid=33,gid=33,umask=0027$,dmask=0027,noatime 0 0

come ultimo ritocco, aumentare la capacità di upload, andando a modificare il file .user.ini

# nano /var/www/html/owncloud/.user.ini

portando: php_value upload_max_filesize, e php_value post_max_size a 5000M

# reboot

Se tutto è andato bene andare all'indirizzo https://ip_del_raspberry ed apparirà la pagina iniziale, dove si dovrà scegliere nome utente e password per l'accesso al server owncloud, ed inserire il nome del database, user e password dell'utente owncloud:

Username: owncloud
Password: password
Database: owncloud
Server: localhost

Molto probabilmente al momento di accedere via FQDN, owncloud presenterà al login un errore di untrusted domain

Owncloud 10 su Raspberry Pi 3 e Raspbian Stretch

Owncloud 10 su Raspberry Pi 3 e Raspbian Stretch

si risolve andando a modificare il file config.php, aggiungendo ip server ed il proprio DDNS

# nano /var/www/html/owncloud/config/config.php
$CONFIG = array (
  'instanceid' => 'oc8foxmontqb',
  'passwordsalt' => 'PBMACOGPeaL9S/Lfq+a80nhE9Bi6ke',
  'secret' => 'EtvIi0rDN2kmFUBdTL4xehQTRUBD1NDmvDipQ3qyVK1gj8SI',
  'trusted_domains' =>
  array (
    0 => '192.X.X.X','myddns'
  ),
  'datadirectory' => '/media/owncloud-usb',
  'overwrite.cli.url' => 'https://192.X.X.X',
  'dbtype' => 'mysql',
  'version' => '10.0.7.2',
  'dbname' => 'owncloud',
  'dbhost' => 'localhost',
  'dbtableprefix' => 'oc_',
  'dbuser' => 'owncloud',
  'dbpassword' => 'abcd2134retfd5678hjbnfh58gbf',
  'logtimezone' => 'UTC',
  'installed' => true,

enjoy 😉

 

Systemback 1.9.1 compatibile con Debian Stretch

Systemback 1.9.1 compatibile con Debian Stretch

Systemback 1.9.1 compatibile con Debian Stretch

Come avevo scritto un po' di tempo fa, avevo in mente di prendere in mano Systemback non piu supportato, e farlo funzionare bene su Debian 9 Stretch. Dopo un primo approccio "leggero" da parte mia, alcuni utenti mi hanno segnalato l'errore "can't mount live image ..installation aborted", che in effetti si presenta nel momento in cui si cerca d'installare il sistema dalla Debian Live creata, Avendo avuto un po' di tempo, mi ci sono messo sotto con più impegno e credo di aver risolto il problema, ed adesso Systemback-1.9.1 è totalmente compatibile con Debian 9.4. A questo proposito chiedo qualche feed da chi vorrà utilizzarlo.

Download systemback-1.9.1

poi:

$ tar xvf systemback-1.9.1-x86-x64.tar.xz
$ cd systemback-1.9.1-x86-x64/
$ sudo ./install.sh

Systemback 1.9.1 compatibile con Debian Stretch

enjoy 😉

 

Systemback su Debian Stretch

 

Systemback su Debian Stretch

Systemback su Debian Stretch

Systemback è una applicazione indispensabile, che permette in modo grafico di effettuare un gran numero di cose. Da quello che ho letto non è più supportata, e siccome reputo questo tool valido, ho deciso di riprenderlo in mano e fare delle modifiche allo script per poterlo utilizzare su Debian 9 Stretch. Con Systemback si è in grado di ottenere:

  • Backup di sistema
  • Installazione dell'identico sistema con user e password diversi su altra partizione
  • Ripristino parziale o totale de backup
  • Creazione di immagine Live del proprio sistema
  • Creazione di immagini iso del proprio sistema

Scaricare Systemback

poi:

$ tar xvf Systemback_Debian_Stretch.tar.xz
$ cd Systemback_Debian_Stretch/
$ sudo ./install.sh

il programma andrà lanciato come root, ed in Mate sarà presente nel menu System Tools oppure da terminale:

$ systemback-sustart

 

Systemback su Debian Stretch

Systemback su Debian Stretch

enjoy 😉