Raspberry Pi backup veloce sd card

 

Raspberry Pi backup veloce sd card

Raspberry Pi backup veloce sd card

 

Guida su come ottenere un backup veloce e funzionante del proprio sistema. Per chi utilizza un Raspberry Pi, con tutto il sistema installato su sd card, è buona regola avere un backup completo, per poter ovviare velocemente ad una ipotetica perdita/rottura dei dati sulla sd card. A difesa delle sd card, io posso tetimoniare, essendo possessore di tanti Raspberry Pi, fin da  maggio 2012, che se si acquistano le migliori, difficilmente si rompono. Io per i vari utilizzi, ho speso di più per la sd card che per il Raspberry Pi. I metodi di backup a cui io mi riferisco utilizzano i comandi dd e rsync.  Il classico metodo più utilizzato e sicuro è il seguente:

 

Metodo 1)

Estrarre dal Raspberry Pi la sd card di origine e creare un file img

sudo dd bs=4M if=/dev/sdx of=PiOS.img

Ripristinare su sd card di backup:

sudo dd bs=4M if=PiOS.img of=/dev/sdx

Con il metodo sopra i tempi sono biblici, poichè dd, clona tutto, e si può tranquillamente arrivare a 15 ore. Esistono altri metodi simili, aggiungendo la compressione, ma a me non soddisfano.

 

Metodo 2)

Questo metodo è quello che utilizzo io, e può essere eseguito sia a caldo, sia estraendo la sd card clonandola. Per questo metodo si utilizza dd, solo per quanto riguarda le tabelle delle partizioni, e la partizione di boot, tutto il resto lo farà rsync copiando velocemente il contenuto della rootfs.

Inserire su pc la  sd card da cui effettuare il backup e raccogliere informazioni:

sudo fdisk -l

 

Raspberry Pi backup veloce sd card

 

 

esistono 2 partizioni, nel mio caso, /dev/sdc1 di boot ed /dev/sdc2 rootfs. Bisogna prendere nota delle 2 voci start, 8192 e 534528, cosicchè da creare una identica tabella delle partizioni, contenendo tutti i files di boot:

sudo dd bs=4k count=$((8192/8)) if=/dev/sdc | gzip >boot-img.gz
sudo dd bs=4k count=$((534528/8)) if=/dev/sdc | gzip >rootfs-img.gz

Adesso dobbiamo copiare in una cartella il contenuto di /dev/sdc2 utilizzando rsync:

sudo apt install rsync
sudo mkdir /mnt/{dati,rootfs}
sudo mount /dev/sdc2 /mnt/dati/
sudo rsync -aHAXSP /mnt/dati/ /mnt/rootfs/
sudo umount /dev/sdc2

Basta. Finito. Tempo totale meno di 3 minuti:

 

Raspberry Pi backup veloce sd card

 

Inserire la sd card di backup:

Azzerare tabella partizioni:

sudo dd count=1 bs=512 if=/dev/zero of=/dev/sdc

creazione della tabella delle partizione come da sd card origine:

sudo zcat boot-img.gz | sudo dd bs=4k iflag=fullblock of=/dev/sdc
sudo partprobe /dev/sdc
sudo zcat rootfs-img.gz | sudo dd bs=4k iflag=fullblock of=/dev/sdc
sudo partprobe /dev/sdc

formattare la seconda partizione in ext4:

sudo mkfs.ext4 -L rootfs /dev/sdc2

mount e copia :

sudo mount /dev/sdc2 /mnt/dati/
sudo rsync -aHAXSP /mnt/rootfs/ /mnt/dati/

umount ed attendere, può volerci qualche minuto:

sudo umount /dev/sdc2

 

Tempo totale 15 minuti circa. A questo punto se tutto è andato bene, abbiamo una copia perfetta della sd card di origine. Questo metodo funziona anche in presenza di database.

Raspberry Pi backup veloce sd card

 

enjoy 😉

 

OpenMediaVault 5 su Raspberry Pi 4

 

OpenMediaVault su Raspberry Pi 4

OpenMediaVault su Raspberry Pi 4

 

Guida su come installare OpenMediaVault su Raspberry Pi 4, con setup iniziale minimale. Io ho già un Nas in casa, più un cloud con Nextcloud accessibile da internet, sempre su Raspberry Pi 4, ma ho voluto unificare tutto sotto OMV. Il punto forte è quello di avere una unica interfaccia centralizzata, e da lì avviare tutti i servizi di cui un Nas ha bisogno. I servizi fondamentali riguardano la sicurezza, il failover e la ridondanza, e su OMV si possono avere con l’aggiunta anche di plugin esterni. Per questa guida ho usato Raspberry Pi OS Lite.

Aggiornamento OS:

sudo apt update
sudo apt upgrade -y
sudo reboot

Installazione:

wget -O - https://raw.githubusercontent.com/OpenMediaVault-Plugin-Developers/installScript/master/install | sudo bash

per il completamento dell’installazione ci vorrà circa 20 minuti, dopodichè il sistema si riavvierà. A questo punto accedere al raspberry pi via WEB GUI, come user=admin e password=openmediavault:

http://Raspberry-ip-address

OpenMediaVault 5 su Raspberry Pi 4

Per prima cosa all’accesso bisognerà subito modificare un paio di cosette, ricordandosi che le modifiche fatte via WEB GUI hanno la priorità su quelle fatte manualmente, in virtù del fatto che OMV utilizza files di configurazione differenti.

System>General Settings

cambiare porta, Auto logout su disabled, e cambiare password di accesso alla WEB GUI:

OpenMediaVault 5 su Raspberry Pi 4

Services>SSH

cambiare porta ssh:

OpenMediaVault 5 su Raspberry Pi 4

 

System>OMV-Extra

abilitare repository addizionali:

System>Plugins

installare i plugins di cui si ha bisogno (quasi tutti)

 

successivamente pubblicherò altre guide entrando nel dettaglio su alcune configurazioni fondamentali.

OpenMediaVault 5 su Raspberry Pi 4

 

enjoy 😉

 

Raspberry rimuovere utente Pi

 

Raspberry rimuovere utente Pi
Raspberry rimuovere utente Pi

Per chi utilizza il Raspberry Pi, e di conseguenza Raspberry Pi OS ex Raspbian e non solo, si deve loggare con username “pi” e password “raspberry“. Chiaramente la prima cosa che si fa è quella di cambiare la password di default, ma ancora meglio sarebbe creare un nuovo user ed eliminare quello di default. Questo è quello che io faccio al primo accesso ssh:

1) Login come user pi e creazione nuovo utente “edmond

$ sudo adduser edmond

2) aggiungere utente al gruppo visudo

$ sudo visudo

ed aggiungere

edmond ALL=(ALL:ALL) ALL

come sotto:

# User privilege specification
root ALL=(ALL:ALL) ALL
edmond ALL=(ALL:ALL) ALL

3) aggiungere il nuovo utente al gruppo sudo

$ sudo usermod -a -G sudo edmond

4) aggiungere il nuovo utente agli stessi gruppi dell’utente “pi”

$ sudo usermod -a -G adm,dialout,cdrom,sudo,audio,plugdev,games,users,input,netdev,ssh,gpio,i2c,spi edmond

5) logout ed accesso col nuovo utente:

$ sudo deluser pi
$ sudo rm -rf /home/pi/

da questo momento si può utilizzare l’utility:

$ sudo raspi-config
Raspberry rimuovere utente Pi

 

enjoy 😉

 

Incrementare swap su Rasperry Pi

Incrementare swap su Rasperry Pi Incrementare swap su Rasperry Pi

Guida su come incrementare lo spazio di swap su tutti i Raspberry Pi.

Verifica swap attuale:

$ cat /proc/meminfo | grep Swap

Incrementare:

$ sudo dphys-swapfile swapoff
$ sudo nano /etc/dphys-swapfile

modificare:

CONF_SWAPSIZE=100

a

CONF_SWAPSIZE=512

Abilitare nuovo spazio di swap:

$ sudo dphys-swapfile setup
$ sudo dphys-swapfile swapon
Incrementare swap su Rasperry Pi

enjoy 😉

 

(Solved) FreePBX Unable to install module pm2

Unable to install module pm2 Failed to run installation scripts. Questo è l’errore che si presenta in alcuni casi quandi si tenta di aggiornare il modulo pm2 in FreePBX 13. Si risolve con:

# curl -sL https://deb.nodesource.com/setup_10.x | sudo -E bash -
# apt install -y nodejs
# fwconsole ma remove pm2 --force
# rm -rf /home/asterisk/.package_cache/npm/
# rm -rf /home/asterisk/.npm
# fwconsole ma downloadinstall pm2

enjoy 😉

Asterisk FreePbx su Raspberry Pi 4 e Raspberry Pi OS Buster

Asterisk FreePbx su Raspberry Pi 4 e Raspberry Pi OS Buster

 

Asterisk FreePbx su Raspberry Pi 4 e Raspberry Pi OS Buster

Installazione su Raspberri py 4 con Raspberry Pi OS Buster, di Asterisk 16 e Freepbx 15. Esiste anche una versione già pronta, raspbx, ma io preferisco installare tutto da me, poichè il sistema risulta molto più fluido. I passaggi successivi saranno eseguiti come utente root, su una nuova installazione di Raspberry Pi OS Buster lite. L’installazione prenderà circa 90 minuti, e prevede che il sistema sia già stato installato e che si abbia un accesso ssh.

Aggiornare il sistema

$ sudo su
# apt update
# apt upgrade -y
# reboot
Scaricare le dipendenze ed i servizi necessari
# apt install -y wget bison flex php php-pear php-cgi php-common php-curl php-mbstring php-gd php-mysql php-gettext php-bcmath php-zip php-xml php-imap php-json php-snmp php-fpm libapache2-mod-php git curl libnewt-dev libssl-dev libncurses5-dev subversion libsqlite3-dev build-essential libjansson-dev libxml2-dev uuid-dev dh-make libssl-dev sox mariadb-client-10.0 mariadb-server-10.0

Installare nodejs

# curl -sL https://deb.nodesource.com/setup_10.x | sudo -E bash -
# apt install -y nodejs

Reboot server

# reboot

Scaricare Asterisk 16 e FreePBX 15

$ sudo su
# cd /usr/src
# wget https://downloads.asterisk.org/pub/telephony/asterisk/asterisk-16-current.tar.gz
# wget https://mirror.freepbx.org/modules/packages/freepbx/freepbx-15.0-latest.tgz

Installare Asterisk 16

# tar xvfz asterisk-16-current.tar.gz
# rm -rf asterisk-16-current.tar.gz
# cd asterisk-16.*
# contrib/scripts/get_mp3_source.sh
# ./contrib/scripts/install_prereq install
# ./configure --with-jansson-bundled
# make menuselect

inserire il prefisso internazionale, nel nostro caso 39:

Asterisk 14 Freepbx 14 su Debian Stretch 9.1abilitare format_mp3

# make -j8
# make install
# make samples
# make config

Creazione utente Asterisk e permessi

# groupadd asterisk
# useradd -r -d /var/lib/asterisk -g asterisk asterisk
# usermod -aG audio,dialout asterisk
# chown -R asterisk.asterisk /etc/asterisk
# chown -R asterisk.asterisk /var/{lib,log,spool}/asterisk
# chown -R asterisk.asterisk /usr/lib/asterisk
# sed -i 's/#AST_USER="asterisk"/AST_USER="asterisk"/g' /etc/default/asterisk
# sed -i 's/#AST_GROUP="asterisk"/AST_GROUP="asterisk"/g' /etc/default/asterisk
# systemctl restart asterisk
# /lib/systemd/systemd-sysv-install enable asterisk

verificare che asterisk funzioni correttamente:

# asterisk -rvvv

Configurazione Apache2

# cp /etc/apache2/apache2.conf /etc/apache2/apache2.conf_orig
# sed -i 's/AllowOverride None/AllowOverride All/' /etc/apache2/apache2.conf
# sed -i 's/^\(User\|Group\).*/\1 asterisk/' /etc/apache2/apache2.conf
# mv /var/www/html /var/www/html.bak
# a2enmod rewrite
# systemctl restart apache2

Installare FreePBX 15

# cd /usr/src/
# tar xvfz freepbx-15.0-latest.tgz
# rm -rf freepbx-15.0-latest.tgz
# cd freepbx
# ./install -n
# fwconsole chown
# fwconsole ma installall
# fwconsole ma refreshsignatures
# fwconsole reload
# fwconsole restart

se tutto è andato bene il server Asterisk è raggiungibile all’indirizzo http://ip_raspberry. La prima cosa da fare è quella di scegliere nome utente, password e mail, per accedere al pannello di amministrazione. Andare poi nel menu Admin-Module Admin e scaricare ed aggiornare i moduli rimanenti.

PS: Nel caso di problema di chiamate in entrata ed in uscita, facendo un debug ci si può ritrovare con l’errore l’errore: No application ‘Macro’ for extension
per risolvere bisogna abilitare “macro” in make menuselect > Application > app_macro

Asterisk FreePbx su Raspberry Pi 4 e Raspberry Pi OS Buster

enjoy 😉

Teamviewer-host su Raspberry

 

Teamviewer-host su Raspberry

Teamviewer-host su Raspberry

Guida su come installare Teamviewer-host su Raspberry. Per chi volesse accedere in remoto sul proprio raspberry, può installare Teamviewer-host, che renderà tutto molto semplice.

$ sudo apt-get update
$ sudo apt-get upgrade
$ wget https://download.teamviewer.com/download/linux/teamviewer-host_armhf.deb
$ sudo dpkg -i teamviewer-host_armhf.deb
$ sudo apt install -f

Settare password di accesso a teamviewer-host

$ sudo teamviewer passwd <password>

per conoscere id al quale collegarsi:

$ sudo teamviewer info

a questo punto ci si può collegare dal client.

Teamviewer-host su Raspberry

enjoy 😉

 

Clonazione e backup di una partizione con rsync

Clonazione e backup di una partizione con rsyncClonazione e backup di una partizione con rsync

Per motivi lavorativi, e di sicurezza, ho sempre diverse partizioni su ssd separati. Quindi dopo aver installato la mia Debian, ed averla personalizzata con tutto quello che mi serve, subito dopo clono il tutto in pochi secondi e passaggi. Questo procedimento, utilizzando rsync, è fantastico in quanto lo esegui direttamente dal sistema che stai utilizzando. Nell’esempio sotto, la mia partizione dove andrò a clonare, è identificata come /dev/sda10.

$ su -
# apt install rsync

umount partizione EFI e mount partizione target

# umount /dev/sda1
# mount /dev/sda10 /mnt/
# rsync -aAXvP / --exclude={"/dev/*","/proc/*","/sys/*","/tmp/*","/run/*","/mnt/*","/media/*","/lost+found"} /mnt/

lanciare blkid per identificare UUID della partizione target e modificarla:

Clonazione e backup di una partizione con rsync

# blkid
# nano /mnt/etc/fstab

poi:

# umount /dev/sda10
# update-grub

Clonazione e backup di una partizione con rsync

enjoy 😉

 

Configurazione Trunk Pjsip Asterisk su Linea Vodafone

 

Configurazione Trunk Pjsip Asterisk su Linea VodafoneConfigurazione Trunk Pjsip Asterisk su Linea Vodafone

Dopo aver fatto per primo, mesi fa, una guida su come utilzzare la propria linea telefonica Vodafone, con modem Asus DSL-AC68U , ho anche fatto un ulteriore guida, su come creare un trunk chan_sip su Asterisk. La guida utilizzava il trunk chan_sip, ma a volte le chiamate in ingresso non passavano dal centralino, a quel punto bastava fare una chiamata in uscita e tutto tornava a funzionare. Non ho fatto grandissimi test, per poter capire il perchè, ma sono passato ad utilizzare un trunk chan_pjsip, che al momento sembra funzionare benissimo. Di seguito mostrerò gli screenshoots del Trunk chan_pjsip e di Outbound Routes:

Configurazione Trunk Pjsip Asterisk su Linea Vodafone

Trunk pjsip general:

Trunk pjsip setting:

Configurazione Trunk Pjsip Asterisk su Linea VodafoneTrunk pjsip advanced:

Configurazione Trunk Pjsip Asterisk su Linea Vodafone Outbound Routes:

Outbound Routes dial pattern:

enjoy 😉

Raspberry con Owncloud Raspbian Buster Letsencrypt Apache

Raspberry con Owncloud Raspbian Buster Letsencrypt ApacheRaspberry con Owncloud Raspbian Buster Letsencrypt Apache

Guida su come realizzare un proprio server cloud, utilizzando owncloud, su raspberry pi 3/4, con Raspbian Buster, ma in alternativa si puo utilizzare un’altro modello di single board o Pc, con OS Debian based. Avevo gia fatto una guida precedentemente, utilizzando Raspbian Stretch. Inoltre utilizzando Let’s Encrypt si avranno certificati SSL gratuiti tramite un processo completamente automatizzato, progettato per eliminare la creazione manuale di certificati, per la convalida, l’installazione e il rinnovo. I certificati rilasciati da Let’s Encrypt sono validi per 90 giorni dalla data di emissione e sono oggi considerati affidabili da tutti i principali browser.

Prerequisiti ed info

  • Negli esempi sotto utilizzerò come nome di dominio example.com ed i comandi verranno eseguiti da root
  • Il raspberry dovrà avere quindi come dominio l’equivalente di example.com. Questo può essere modificato in /etc/hostname e poi riavviare.
  • Il vostro ip pubblico dovrà puntare quindi al dominio, nel caso non si avesse un ip pubblico, utilizzare un servizio di DNS.
  • Assicurarsi prima di aprire le porte 80/443 verso il proprio server, altrimenti non si potranno ottenere i certificati. Successivamente rimarrà aperta solo la 443.
  • La guida è stata testata su una installazione pulita di Raspbian Buster

Raspberry con Owncloud Raspbian Buster Letsencrypt Apache

Step 1) Installare i pacchetti necessari:

$ sudo su
# apt update; apt upgrade
# apt install apache2 mariadb-server libapache2-mod-php7.3 php7.3-gd php7.3-json php7.3-mysql php7.3-curl php7.3-intl php-imagick php7.3-zip php7.3-xml php7.3-mbstring ntfs-3g fail2ban certbot

Step 2) Configurazione Apache e Virtual Host basic

# rm -rf /var/www/html/
# mkdir -p /var/www/example.com/public_html
# nano /var/www/example.com/public_html/index.html

ed incollare dentro:

<!DOCTYPE html>
<html lang="en" dir="ltr">
<head>
<meta charset="utf-8">
<title>Welcome to example.com</title>
</head>
<body>
<h1>Success! example.com home page!</h1>
</body>
</html
# nano /etc/apache2/sites-available/example.com.conf

ed incollare dentro:

<VirtualHost *:80>
ServerName example.com
ServerAlias www.example.com
ServerAdmin webmaster@example.com
DocumentRoot /var/www/example.com/public_html

<Directory /var/www/example.com/public_html>
Options -Indexes +FollowSymLinks
AllowOverride All
</Directory>

ErrorLog ${APACHE_LOG_DIR}/example.com-error.log
CustomLog ${APACHE_LOG_DIR}/example.com-access.log combined
</VirtualHost>

poi:

# chown -R www-data: /var/www/example.com/
# mv /etc/apache2/sites-available/000-default.conf 000-default.conf.bak
# mv /etc/apache2/sites-enabled/000-default.conf 000-default.conf.bak
# a2ensite example.com
# systemctl restart apache2
# systemctl enable apache2

a questo punto collegandosi al server dovremmo vedere che funziona:

Raspberry con Owncloud Letsencrypt ApacheStep 3) Chiave e Letsencrypt

Creare una chiave robusta Dh (Diffie-Hellman) a 1024 oppure a 2048 bit, ci vorrà circa 20 minuti.

# openssl dhparam -out /etc/ssl/certs/dhparam.pem 1024

Per ottenere i certificati utilizzeremo certbot, installato precedentemente, che si occuperà dell’acquisizione e del rinnovo degli stessi. Utilizzeremo il plug-in Webroot che funziona creando un file temporaneo nella ${webroot-path}/.well-known/acme-challenge a cui si collegherà Letsencrypt per risolvere il DNS:

# mkdir -p /var/lib/letsencrypt/.well-known
# chgrp www-data /var/lib/letsencrypt
# chmod g+s /var/lib/letsencrypt

creare primo file di configurazione:

# nano /etc/apache2/conf-available/letsencrypt.conf

ed incollare dentro:

Alias /.well-known/acme-challenge/ "/var/lib/letsencrypt/.well-known/acme-challenge/"
<Directory "/var/lib/letsencrypt/">
AllowOverride None
Options MultiViews Indexes SymLinksIfOwnerMatch IncludesNoExec
Require method GET POST OPTIONS
</Directory>

creare secondo file raccomandato:

# nano /etc/apache2/conf-available/ssl-params.conf

ed incollare dentro:

SSLCipherSuite EECDH+AESGCM:EDH+AESGCM:AES256+EECDH:AES256+EDH
SSLProtocol All -SSLv2 -SSLv3 -TLSv1 -TLSv1.1
SSLHonorCipherOrder On
Header always set Strict-Transport-Security "max-age=63072000; includeSubDomains; preload"
Header always set X-Frame-Options DENY
Header always set X-Content-Type-Options nosniff
# Requires Apache >= 2.4
SSLCompression off
SSLUseStapling on
SSLStaplingCache "shmcb:logs/stapling-cache(150000)"
# Requires Apache >= 2.4.11
SSLSessionTickets Off

abilitare moduli e files di configurazione:

# a2enmod ssl
# a2enmod headers
# a2enmod http2
# a2enconf letsencrypt
# a2enconf ssl-params
# systemctl reload apache2

a questo punto siamo pronti ad ottenere i certificati SSL utilizzando certbot:

# certbot certonly --agree-tos --email admin@example.com --webroot -w /var/lib/letsencrypt/ -d example.com -d www.example.com

se tutto è andato bene visualizzeremo questo:

IMPORTANT NOTES:
- Congratulations! Your certificate and chain have been saved at
/etc/letsencrypt/live/example.com/fullchain.pem.
Your cert will expire on 2019-02-28. To obtain a new or tweaked
version of this certificate in the future, simply run certbot
again. To non-interactively renew *all* of your certificates, run
"certbot renew"
- If you lose your account credentials, you can recover through
e-mails sent to xxxxxxx@gmail.com.
- Your account credentials have been saved in your Certbot
configuration directory at /etc/letsencrypt. You should make a
secure backup of this folder now. This configuration directory will
also contain certificates and private keys obtained by Certbot so
making regular backups of this folder is ideal.
- If you like Certbot, please consider supporting our work by:

Donating to ISRG / Let's Encrypt: https://letsencrypt.org/donate
Donating to EFF: https://eff.org/donate-le

adesso andiamo a riconfigurare il file Virtual Host come sotto:

# nano /etc/apache2/sites-available/example.com.conf
ed incollare dentro:
<VirtualHost *:80> 
ServerName example.com
ServerAlias www.example.com

Redirect permanent / https://example.com/
</VirtualHost>

<VirtualHost *:443>
ServerName example.com
ServerAlias www.example.com

Protocols h2 http:/1.1

<If "%{HTTP_HOST} == 'www.example.com'">
Redirect permanent / https://example.com/
</If>

DocumentRoot /var/www/example.com/public_html
ErrorLog ${APACHE_LOG_DIR}/example.com-error.log
CustomLog ${APACHE_LOG_DIR}/example.com-access.log combined

SSLEngine On
SSLCertificateFile /etc/letsencrypt/live/example.com/cert.pem
SSLCertificateKeyFile /etc/letsencrypt/live/example.com/privkey.pem
SSLCertificateChainFile /etc/letsencrypt/live/example.com/chain.pem


</VirtualHost>
ricaricare la nuova configurazione:
# systemctl reload apache2

adesso si può fare un TEST SSL

Rinnovo automatico dei certificati: Come dicevo all’inizio, i certificati di Let’s Encrypt hanno una durata di 90 giorni, dopodichè dovrebbero autorinnovarsi traminte un cronjob, altrimenti aggiornare manualmente con il comando:
# certbot renew --dry-run

Step 4) Installazione Owncloud

# cd /tmp
# wget https://download.owncloud.org/download/community/owncloud-latest.tar.bz2
# tar -xvf owncloud-latest.tar.bz2
# chown -R www-data:www-data owncloud
# mv owncloud /var/www/example.com/public_html/
# rm /var/www/example.com/public_html/index.html
# nano /etc/apache2/sites-available/example.com.conf

e fare puntare la DocumentRoot ad owncloud:

DocumentRoot /var/www/example.com/public_html/owncloud

Creazione database ed user mysql:

# mysql -u root -p

inserire password di root, e poi i 5 comandi sotto, e settare la password per l’utente owncloud

1) create database owncloud;
2) create user owncloud@localhost identified by 'password';
3) grant all privileges on owncloud.* to owncloud@localhost identified by 'password';
4) flush privileges;
5) exit;
fare una modifica al file php.ini, nella sezione File Uploads, portando upload_max_filesize = 5000M.
# nano /etc/php/7.3/apache2/php.ini

come ultimo ritocco, aumentare la capacità di upload, andando a modificare il file .user.ini

# nano /var/www/example.com/public_html/owncloud/.user.ini

portando: upload_max_filesize, e post_max_size a 5000M

# systemctl restart apache2

a questo punto il server owncloud è installato, ed è raggiungibile all’indirizzo https://example.com. Se si volesse utilizzare come storage un disco esterno, la guida continua:

Step 5) Creazione della cartella di storage e relativi permessi:

# mkdir /media/owncloud-usb
# groupadd www-data
# usermod -a -G www-data www-data
# chown -R www-data:www-data /media/owncloud-usb
# chmod -R 775 /media/owncloud-usb

adesso abbiamo bisogno di conoscere UUID del disco usb ed user e group di www-data, che serviranno per configurare /etc/fstab per il montaggio automatico:

# id -u www-data; id -g www-data
# blkid
# nano /etc/fstab

ed aggiungere in una sola riga qualcosa del genere in /etc/fstab:

UUID=32E49E5027A4F8A7 /media/owncloud-usb auto nofail,uid=33,gid=33,umask=0027$,dmask=0027,noatime 0 0
# reboot

Se tutto è andato bene andare all’indirizzo https://ip_dominio_del_server ed apparirà la pagina iniziale, dove si dovrà inserire nome utente e password per l’accesso al server owncloud, nome del database, user e password dell’utente owncloud, ed infine il punto di mount. Username: owncloud Password: password Database: owncloud Server: localhost

Raspberry con Owncloud Letsencrypt Apache

Raspberry con Owncloud Raspbian Buster Letsencrypt Apache

enjoy 😉