Anonsurf su Debian 10

Anonsurf su Debian 10

Anonsurf su Debian 10

Anonsurf è la modalità anonima di ParrotOS per forzare le connessioni attraverso Tor e/o la rete i2p.  Tor è un protocollo di crittografia SOCKS4 e SOCKS5. Tor esegue il tunnelling di tutto il traffico che circola nella rete dell’utente in modo anonimo. Tor nasconde la posizione di un utente e i dati di rete da chiunque monitora l’utente localmente e in remoto. L’utilizzo di Anonsurf si può avviare anche da terminale, ed oltre ad essere integrato in ParrotOS ed in Kali Linux, si può installare in Debian 9 Stretch o Debian 10 Buster.

$ sudo apt install git
$ git clone https://github.com/ParrotSec/anonsurf
$ cd anonsurf/
$ chmod a+x ./anonsurf.sh
$ sudo ./anonsurf.sh start

Anonsurf su Debian 10i comandi sono i seguenti:

anonsur start - Start system-wide TOR tunnel
anonsurf stop - Stop anonsurf and return to clearnet
anonsurf restart - Combines "stop" and "start" options
anonsurf changeid - Restart TOR to change identity
anonsurf status - Check if AnonSurf is working properly
anonsurf myip - Check your ip and verify your tor connection
anonsurf mymac - Check your mac and verify your change mac address

enjoy 😉

Video utilizzo Systemback-1.9.3

 

Video utilizzo Systemback-1.9.3

Questo video mostra come installare una copia del proprio OS, utilizzando Systemback-1.9.3. Nell’esempio sopra, utilizzo Ubuntu 18-04, installato in EFI mode. Nel caso si trattasse di una installazione in legacy mode, assicurarsi che il pacchetto grub-pc-bin sia installato correttamente, sopratutto se si parte da chiavetta usb live.

enjoy 😉

Cambiare nome scheda di rete da enp0s25/wlp4s0 a eth0/wlan0 con Systemd

 

Su un portatile Thinkpad T540P(20BE005YGE), i nomi delle schede di rete non sono le solite a cui io sono abituato, e cioè eth0 e wlan0, ma bensì enp0s25 e wlp4s0. Utilizzando Debian 9 Stretch con Systemd, per poter cambiare i nomi bisogna creare 2 files con i nomi delle interfacce. Quello che serve è il mac address delle schede, che si ottiene con il comando ifconfig o ip link:

Cambiare nome scheda di rete da enp0s25/wlp4s0 a eth0/wlan0 con Systemd

root@DebianBox:/home/edmond# ip link
1: lo: <LOOPBACK,UP,LOWER_UP> mtu 65536 qdisc noqueue state UNKNOWN mode DEFAULT group default qlen 1
    link/loopback 00:00:00:00:00:00 brd 00:00:00:00:00:00
2: enp0s25: <NO-CARRIER,BROADCAST,MULTICAST,UP> mtu 1500 qdisc pfifo_fast state DOWN mode DEFAULT group default qlen 1000
    link/ether 54:ee:11:0d:ce:11 brd ff:ff:ff:ff:ff:ff
3: wlp4s0: <BROADCAST,MULTICAST,UP,LOWER_UP> mtu 1500 qdisc mq state UP mode DORMANT group default qlen 1000
    link/ether 7c:7a:22:d9:3b:22 brd ff:ff:ff:ff:ff:ff
4: wwp0s20u10i6: <BROADCAST,MULTICAST> mtu 1500 qdisc noop state DOWN mode DEFAULT group default qlen 1000
    link/ether 02:15:e0:ec:01:00 brd ff:ff:ff:ff:ff:ff
root@DebianBox:/home/edmond# ifconfig
enp0s25: flags=4099<UP,BROADCAST,MULTICAST>  mtu 1500
        ether 54:ee:11:0d:ce:11  txqueuelen 1000  (Ethernet)
        RX packets 0  bytes 0 (0.0 B)
        RX errors 0  dropped 0  overruns 0  frame 0
        TX packets 0  bytes 0 (0.0 B)
        TX errors 0  dropped 0 overruns 0  carrier 0  collisions 0
        device interrupt 20  memory 0xf2600000-f2620000  

lo: flags=73<UP,LOOPBACK,RUNNING>  mtu 65536
        inet 127.0.0.1  netmask 255.0.0.0
        inet6 ::1  prefixlen 128  scopeid 0x10<host>
        loop  txqueuelen 1  (Local Loopback)
        RX packets 438  bytes 33948 (33.1 KiB)
        RX errors 0  dropped 0  overruns 0  frame 0
        TX packets 438  bytes 33948 (33.1 KiB)
        TX errors 0  dropped 0 overruns 0  carrier 0  collisions 0

wlp4s0: flags=4163<UP,BROADCAST,RUNNING,MULTICAST>  mtu 1500
        inet 192.168.1.41  netmask 255.255.255.0  broadcast 192.168.1.255
        inet6 fe80::87d4:6da9:153f:ffa4  prefixlen 64  scopeid 0x20<link>
        ether 7c:7a:22:d9:3b:22  txqueuelen 1000  (Ethernet)
        RX packets 16061  bytes 16095320 (15.3 MiB)
        RX errors 0  dropped 0  overruns 0  frame 0
        TX packets 12337  bytes 1597446 (1.5 MiB)
        TX errors 0  dropped 0 overruns 0  carrier 0  collisions 0

quindi creare il file 10-eth.link:

# nano /etc/systemd/network/10-eth.link

ed inserire

[Match]
MACAddress=XX:XX:XX:XX:XX:XX

[Link]
Name=eth0

ed il file 10-wlan.link:

[Match]
MACAddress=XX:XX:XX:XX:XX:XX

[Link]
Name=wlan0

e poi reboot.

Cambiare nome scheda di rete da enp0s25/wlp4s0 a eth0/wlan0 con Systemd

enjoy 😉

Trasferire cartelle tra due hosts locale-remoto in Linux con SCP

 

Trasferire cartelle tra due hosts locale-remoto in Linux con SCP

Il comando SCP in Linux è usato per trasferire files o cartelle in maniera sicura usando ssh, tra server locali e/o remoti.

Trasferire cartelle tra due hosts locale-remoto in Linux con SCP

 

Copiare file da locale a remoto:

# scp -v /path/local/file.txt remoteuser@remotehost:/remote/path/

se si utilizza una porta differente:

# scp -v -P 2200 /path/local/file.txt remoteuser@remotehost:/remote/path/

Copiare file da remoto a locale

# scp -v remoteuser@remotehost:/path/file.txt /path/local

Copiare cartella in maniera ricorsiva e compressa da locale a remoto:

# scp -vrC -P 2200 /path/local/folder remoteuser@remotehost:/remote/path/

Copiare cartella in maniera ricorsiva e compressa da remoto a locale:

# scp -vrC -P 2200 remoteuser@remotehost:/remote/folder/ /path/local/

Limitare la banda:

# scp -vrC -l 500 -P 2200 /path/folder remoteuser@remotehost:/remote/path/

Copiare file/cartella tra 2 hosts remoti:

# scp -v remoteuser1@remotehost1:/path/file.txt remoteuser2@remotehost2::/path/directory/

 

enjpy 😉

Velocizzare boot e prestazioni su Debian Squeeze con e4rat 0.2.3

 

 

 

 

Un anno e mezzo fa circa avevo fatto una guida divisa in due parti, qua e qua, su come velocizzare il boot e le prestazioni su Debian Squeeze, a distanza di tempo ho provato anche la soluzione e4rat (Reducing Access Times), che promette di velocizzare il boot di ben 3 volte. Questo è un tool che si occupa della riallocazione dei blocchi dei programmi caricati all'avvio, e precaricare i programmi usati frequentemente. Questa è una guida semplice, che è fatta di 3 fasi:

 

  1. e4rat-collect – raccoglie informazione sui file caricati (default 120 secondi)
  2. e4rat-realloc – riallocazione files
  3. e4rat-preload – precaricamento programmi

 

Download ed installazione di e4rat_0.2.3_amd64.deb oppure e4rat_0.2.3_i386.deb

 

$ sudo nano /boot/grub/grub.cfg

 

e dopo ro quiet passare il parametro seguente al kernel:

 

init=/sbin/e4rat-collect

 

salvare e riavviare. Da questo momento si hanno 120 secondi per usare i programmi di proprio interesse, e nel contempo e4rat raccoglierà le informazioni in /var/lib/e4rat/startup.log. Se 120 secondi per qualcuno non sono abbastanza, si possono modificare editando il file /etc/e4rat.conf. Adesso bisogna andare a rimuovere il parametro precedente inserito, e poi:

 

$ sudo init 1

 

inserire password di root, e poi lanciare il comando:

 

# e4rat-realloc  /var/lib/e4rat/startup.log

 

una volta finita la reallocozione:

 

init 2

 

loggarsi ed inserire permanentemente il parametro e4rat-preload:

 

$ sudo nano /etc/default/grub

 

e modificare la stringa in questo modo:

 

GRUB_CMDLINE_LINUX_DEFAULT="init=/sbin/e4rat-preload"

 

salvare, aggiornare grub e riavviare:

 

$ sudo update-grub

$ sudo init 6

 

questo è tutto.

 

 

enjoy 😉

Mate 1.2 su Debian Wheezy/SId

 

 

 

Dopo aver provato Cinnamon come alternativa a Gnome-shell, mi mancava solamente da provare Mate, quindi mi sono deciso a provarlo, senza però tanti sbattimenti, quindi usando i repo LinuxMint. Io di solito non mischio mai i repo, ma dato che sono su una Sid da guerra, allora ho ceduto 🙂 Che dire…se non che riaffiorano dei bellissimi ricordi….sono quasi commosso 🙁

 

# nano /etc/apt/sources.list

 

inserire i repo:

 

deb https://packages.linuxmint.com debian main import backport upstream romeo

 

poi:

 

# apt-get update && apt-get install mate-desktop-environment

# apt-get install -f

 

e nel caso servisse, come nel mio caso su Debian Sid:

 

# dpkg -i --force-overwrite /var/cache/apt/archives/mate-desktop-gnome_1.2.0-0_amd64.deb

# apt-get install -f

 

riavviare la sessione e scegliere Mate.

 

enjoy 😉

Cinnamon 1.4 su Debian Wheezy/Sid LMDE pacchetti Deb

 

 

 

 

 

Cinnamon è arrivato alla versione 1.4, portando alcune novità. Io l'ho provato su Debian Sid, ed ho testato il tutto. Come ho già detto in passato Cinnamon non è male, anche se acerbo, e può essere un'alternativa a Gnome-Shell. Al momento l'unico neo che ho riscontrato. è che quando si seleziona la voce pannello mofificabile, la barra cambia colore, quindi una volta aggiunti i programmi al pannello, bisogna deselezionarla. Come al solito i pacchetti si trovano nel mio repository.

 

Download Cinnamon 1.4  amd64 (6 files)

Download Cinnamon 1.4 i386 (6 files)

 

ps: disinstallare prima cinnamon-muffin 1.3

ps: apt-get install -f, per problemi con le dipendenze.

 

enjoy 😉

Cinnamon estensione coverflow su Debian LMDE

 

 

Coverflow Alt-Tab  è un'altra estensione per Cinnamon. Scaricare e copiare la cartella CoverflowAltTab@dmo60.de in ~/.local/share/cinnamon/extensions/, abilitare l'estensione da Cinnamon-settings-extensions, ed eventualmente riavviare la shell.

 

enjoy 😉

Aggiungere una Dock a Cinnamon su Debian e LMDE

 

 

 

 

Scaricare l'estensione, una volta scompattata, copiare la cartella cinnadock@in-progress.org, in ~.local/share/cinnamon/extensions, copiare il file org.cinnamon.extensions.cinnadock.gschema.xml:

 

$ sudo cp org.cinnamon.extensions.cinnadock.gschema.xml /usr/share/glib-2.0/schemas/

$ sudo glib-compile-schemas /usr/share/glib-2.0/schemas/

 

per attivare la Dock andare in cinnamon-setting-extensions, per modificare i parametri di dove posizionare la dock, e per aggiungere applicazioni, andare in dconf-editor-org-cinnamon-extensions-cinnadock.

esempio: ['gnome-terminal.desktop', 'nautilus.desktop', 'iceweasel.desktop', 'vlc.desktop', 'gedit.desktop', 'synaptic.desktop', 'gnome-screenshot.desktop', 'cinnamon-settings.desktop', 'liferea.desktop']

 

enjoy 😉