Creare un Live DVD/CD/USB Multidistro su Debian usando MultiCD

 

 

Inserire in un unico CD/DVD o chiavetta USB, più sistemi operativi, può essere molto comodo, sia per quanto riguarda il risparmio degli stessi CD/DVD, sia perchè si avranno a portata di mano, tutti gli strumenti, che potranno aiutarci a risolvere alcune problematiche. L'altro fattore importante, secondo me, e che questo CD/DVD Live, può essere costruito in multi architetture, quindi chi avrà sui propri hard disk differenti O:S. e diferrenti architetture, si troverà un unico strumento che gli permetterà di chroottarsi all'occorrenza. MultiCD non è altro che uno script che ci aiuta a costruire il nostro DVD personalizzato, Io per esempio, ho un DVD mutidistro, di 3,8 giga, costruito con dentro una Debian Live 64bit, Clonezilla,Backtrack,Gparted,Ultimate Boot CD.

 

Requisiti:

Procurarsi le iso degli O.S supportati:

 

poi:

$ wget ftp://downloads.tuxfamily.org/multicd/multicd-6.8.sh

$ chmod +x multicd-6.8.sh

# apt-get install genisoimage

 

a questo punto bisogna modificare i nomi dei sistemi scaricati, come descritto sul sito, per esempio:

 

$ mv debian-live-6.0.3-i386-gnome-desktop.iso binary.iso

$ mv clonezilla-live-1.2.8-46-i686.iso clonezilla.iso

$ ecc. ecc. ecc.

 

adesso basta lanciare lo script MultiCD, ed aspettare qualche minuto:

 

#./multicd-6.8.sh

 

 

enjoy 😉

Autore: Franco Conidi aka edmond

Senior System Integrator, Network Administrator, Sys Admin Linux, Linux User, Consulente Informatico.

13 pensieri riguardo “Creare un Live DVD/CD/USB Multidistro su Debian usando MultiCD”

  1. Mumble, mumble….

    Mi hai dato un’idea!!!! Metto fra i bookmarks, per quando ho un po’ di tempo da dedicarci!!!!

    Ho pennini live da due giga, con UNA sola live! Ora ce ne metto due!!!!

  2. Sarebbe comodo, ad esempio, metterci dentro, debian32bit + debian64bit, insomma una stessa distro con diverse architetture.
    Tuttavia, non si capisce come fare…

  3. Infatti io avrei voluto mettere le 2 debian live 32 e 64 bit, ma lo script
    accetta chiaramente un solo nome binary.iso, cmq non sono andato a spulciarlo bene.
    l’alternativa sarebbe mettere una debian live + il cd1 debian.

  4. Buon vecchio, sono riuscito a creare un pennino con le due netinst di Debian, 32 e 64bit!!!!
    Addirittura, ho usato la businesscard, per sfruttare il mio vecchissimo pennino da 128 mega.

    Come fare? Se leggi il contenuto dello script, vedrai che è semplicissimo!
    Purtroppo, non è ancora fattibile con lives di debian.
    Ad ogni modo, consiglio di avviarlo con l’opzione -i.

  5. ottimo mi segno il link e poi mi creo un multiDVD SuperGrubCd/GpartedLiveCD/DebianLiveCD/CloneZilla 😀

  6. Sigh! Sobh! A tutt’oggi, non esiste la possibilità di avere DUE lives Debian, una 32 ed una 64bit!
    Volevo farmi un duplice Crunchbang!

  7. Buon vecchio, ora MUltiCD supporta le due debian lives, su mia richiesta! 😛

    L’ho provata con successo con Crunchbang Waldorf. Purtroppo, si limita ad avviare la live, ma non offre anche le opzioni di installazione (che mi risulta siano anche nella debian live), ma ho già inoltrato richiesta in tal senso.

    In alternativa, ho studiato come creare un pennino avviabile con grub2 e, in questo modo, ho ottenuto la live. Con semplici modifiche, si possono ottenere le opzioni di installazione, ma, prima di procedere ulteriormente, vorrei attendere l’amico di MultiCD.

  8. @Doc
    Ottima notizia, aspetteró maggiori delucidazioni, dopodichè integrerò il post grazie alle tue info 🙂
    Avere 2 Debian Live, i386 ed amd64, sulla stessa usb non ha prezzo 🙂

  9. Dunque, con l’amico di MultiCD si è capito che NON È TECNICAMENTE possibile avere DUE DEBIAN LIVES installabili sullo stesso pennino, a meno di complessissime modifiche.
    L’ultima versione dello script, dunque, se lanciato con l’opzione -i, ci offre la possibilità di scegliere quale delle due lives rendere installabili.

    Alla fine, considerato che farsi un pennino con syslinux è un gioco da ragazzi, me lo sono fatto da me, preparandomi il terreno in modo tale che sia relativamente facile rendere installabile l’una o l’altra, anche sotto Windows.
    In proposito, ho scritto una guidarella, che potrai trovare qua: https://linux4netbook.blogspot.com/2012/08/due-crunchbang-e-un-pennino.html

    È orientata su crunchbang, ma può essere applicata, mutatis mutandis, a tutte le distro.

    Ciao
    Doc

  10. Faró dei test anche io al ritorno delle ferie, al momento ho poca ispirazione 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *