Creare una Debian Live personalizzata con live build

 

Creare una Debian Live personalizzata con live build

Creare una Debian Live personalizzata con live build

Dopo la guida precedente su come Creare una Debian Stretch Live Custom persistente Sicura , ecco un altro metodo per costruirsi una propria distribuzione Linux personalizzata basata su Debian. Questa volta useremo live build al posto di debootstrap, siccome le confgurazione sono moltissime, è meglio leggere prima la documentazione su live-config, e live-build.

$ mkdir live; cd live
$ lb config --distribution stretch --binary-images iso-hybrid --architectures amd64 --archive-areas "main contrib non-free" --debian-installer-gui "true" debian-installer "live" --mirror-bootstrap https://ftp.it.debian.org/debian/ --mirror-binary https://ftp.it.debian.org/debian --bootappend-live "boot=live components timezone=Europe/Rome locales=en_GB.UTF-8 keyboard-layouts=it hostname=Debian-Custom username=user noeject autologin"

per installare un desktop environment e tutti i programmi di cui si necessita, bisogna editare il file live.list.chroot, ed incollare dentro il tutto:

$ nano config/package-lists/live.list.chroot
mate-desktop-environment task-laptop xorg xinit xserver-xorg-input-evdev xserver-xorg-input-libinput xserver-xorg-input-kbd

volendo si può anche cambiare l'immagine di boot, proprio come ho fatto io. Serve un immagine di 640×480 dal nome splash.png, crearsela oppure scaricare la mia. Ipotizzando che il file splash.png si trova nella home:

$ cd config; mkdir bootloaders
$ sudo cp -r /usr/share/live/build/bootloaders/isolinux bootloaders/
$ sudo rm bootloaders/isolinux/splash.svg
$ sudo cp $HOME/splash.png bootloaders/isolinux/splash.png
$ cd ..
$ sudo lb build

a questo punto non resta che provare la nostra Debian Stretch personalizzata, tramite VirtualBox oppure direttamente da chiavetta usb:

$ sudo su
# dd if=live-image-amd64.hybrid.iso of=/dev/sdX bs=4M status=progress

con questa configurazione utente e password sono le solite:

user=user
password=live

Creare una Debian Live personalizzata con live build

enjoy 😉

 

Post simili (quasi):

8 pensieri riguardo “Creare una Debian Live personalizzata con live build”

  1. Vivaldi 1.95.1077.50 Vivaldi 1.95.1077.50 GNU/Linux x64 GNU/Linux x64
    Mozilla/5.0 (X11; Linux x86_64) AppleWebKit/537.36 (KHTML, like Gecko) Chrome/64.0.3282.170 Safari/537.36 Vivaldi/1.95.1077.50

    Dice 

    chroot: impossibile cambiare la root directory a 'chroot': Non è una directory

  2. Firefox 52.0 Firefox 52.0 GNU/Linux x64 GNU/Linux x64
    Mozilla/5.0 (X11; Linux x86_64; rv:52.0) Gecko/20100101 Firefox/52.0

    sei su un pc x64 vero?

  3. Vivaldi 1.95.1077.55 Vivaldi 1.95.1077.55 GNU/Linux x64 GNU/Linux x64
    Mozilla/5.0 (X11; Linux x86_64) AppleWebKit/537.36 (KHTML, like Gecko) Chrome/64.0.3282.189 Safari/537.36 Vivaldi/1.95.1077.55

    Si, 64 bit

  4. Firefox 52.0 Firefox 52.0 GNU/Linux x64 GNU/Linux x64
    Mozilla/5.0 (X11; Linux x86_64; rv:52.0) Gecko/20100101 Firefox/52.0

    sudo apt install -y debootstrap grub-common grub-pc-bin grub-efi-amd64-bin efibootmgr syslinux squashfs-tools live-build live-tools live-boot

  5. Firefox 52.0 Firefox 52.0 GNU/Linux x64 GNU/Linux x64
    Mozilla/5.0 (X11; Linux x86_64; rv:52.0) Gecko/20100101 Firefox/52.0

    Ho dato il comando live build senza dare errori ma alla fine nessuna iso creata….

  6. Firefox 62.0 Firefox 62.0 Ubuntu x64 Ubuntu x64
    Mozilla/5.0 (X11; Ubuntu; Linux x86_64; rv:62.0) Gecko/20100101 Firefox/62.0

    buonasera, arrivo un po’ in ritardo… ma se volessi predisporre più utenti nella live, come dovrei fare?

  7. Firefox 62.0 Firefox 62.0 GNU/Linux x64 GNU/Linux x64
    Mozilla/5.0 (X11; Linux x86_64; rv:62.0) Gecko/20100101 Firefox/62.0

    a che servirebbero più utenti se poi ogni modifica andrebbe persa, dato che questo metodo non prevede la persistenza?

  8. Firefox 62.0 Firefox 62.0 Ubuntu x64 Ubuntu x64
    Mozilla/5.0 (X11; Ubuntu; Linux x86_64; rv:62.0) Gecko/20100101 Firefox/62.0

    Buongiorno, dovrei distribuire la live a due categorie di utenti, ognuna con permessi diversi. In primis ho pensato di creare due versioni della live. Però, col fatto che i due utenti condividono la stessa configurazione (programmi installati e la maggior parte delle configurazioni di questi ultimi) mi stavo chiedendo se non fosse più pratico avere una singola versione della live con due utenti.
    (P.S. ho provato ad inserire ‘noautologin’ in ‘lb config’, che di per sé funziona, a parte che il sistema parte a riga di comando e bisogna far partire la gui a mano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *