Gimp-2.6.6 su Debian Lenny

 

 

Per curiosità ho provato ad installare Gimp 2.6.6 su Debian Lenny, dove si trova alla versione 2.4.7.I passi che ho eseguito

sono semplici. Una volta controllato di avere l’indispensabile per compilare e cioè build-essential, ed un paio di dipendenze

necessarie:

# apt-get install libgegl-0.0-dev

non resta che scaricare i sorgenti da qua e compilarli:

tar -xjf gimp-2.6.6.tar.bz2

cd gimp-2.6.6

apt-get build-dep gimp

./configure

make

# make install

invece di make install sarebbe meglio usare checkinstall, chiaramente dopo averlo installato. Se una volta avviato dovesse

presentarsi una schermata di errore tipo quella qui sotto, si risolve rimuovendo gimp-data.

 

Aspire One Linux e modem HSDPA-HSUPA Option-GTM380-GlobeTrotter

Ho da poco preso un Acer Aspire One A150X, con modem HSUPA embedded,  e diciamo che sono contento in quanto col pinguino, al momento non ho riscontrato problemi seri. Come distribuzione ho installato Debian, poi ho provato Kuki , ma non mi è piaciuta, del resto è ancora in alfa. Per ultimo ho provato  Linux4one, a cui faccio i miei complimenti a tutto lo staff. Usando proprio questa distro mi sono accorto del problema di connessione tramite questo modem, in quanto non è stato inserito il modulo hso, determinante per il corretto funzionamento. Problema noto come si evince dalle discussioni nel forum.

Dando il comando lsusb, io ottengo questo:

 

ID 0af0:7211 Option

ma col modulo hso funzionano anche tutti questi, come è scritto sul sito di riferimento.

{default_port_device(0x0af0, 0x6711)},
{default_port_device(0x0af0, 0x6731)},
{default_port_device(0x0af0, 0x6751)},
{default_port_device(0x0af0, 0x6771)},
{default_port_device(0x0af0, 0x6791)},
{default_port_device(0x0af0, 0x6811)},
{default_port_device(0x0af0, 0x6911)},
{default_port_device(0x0af0, 0x6951)},
{default_port_device(0x0af0, 0x6971)},
{default_port_device(0x0af0, 0x7011)},
{default_port_device(0x0af0, 0x7031)},
{default_port_device(0x0af0, 0x7051)},
{default_port_device(0x0af0, 0x7071)},
{default_port_device(0x0af0, 0x7111)},
{default_port_device(0x0af0, 0x7211)},
{default_port_device(0x0af0, 0x7251)},
{default_port_device(0x0af0, 0x7271)},
{default_port_device(0x0af0, 0x7311)},
{default_port_device(0x0af0, 0xc031)}, /* Icon-Edge */
{icon321_port_device(0x0af0, 0xd013)}, /* Module HSxPA */
{icon321_port_device(0x0af0, 0xd031)}, /* Icon-321 */
{icon321_port_device(0x0af0, 0xd033)}, /* Icon-322 */
{USB_DEVICE(0x0af0, 0x7301)}, /* GE40x */
{USB_DEVICE(0x0af0, 0x7361)}, /* GE40x */
{USB_DEVICE(0x0af0, 0x7401)}, /* GI 0401 */
{USB_DEVICE(0x0af0, 0x7501)}, /* GTM 382 */
{USB_DEVICE(0x0af0, 0x7601)}, /* GE40x */
{USB_DEVICE(0x0af0, 0x7701)},
{USB_DEVICE(0x0af0, 0x7801)},
{USB_DEVICE(0x0af0, 0x7901)},
{USB_DEVICE(0x0af0, 0x7361)},
{icon321_port_device(0x0af0, 0xd051)},

Con Debian per esempio basta un semplice:

modprobe hso

Incominciamo installando un po di cose:

apt-get install build-essential bin86 kernel-package libncurses5 libncurses5-dev fakeroot module-init-tools

apt-get install libusb-dev libusb++-dev libusb++-0.1-4c2 python2.5-dev

Per ovviare a questo problema con Linux4one, ci sono 2 strade. La prima è quella di ricompilarsi il kernel, con il solito metodo, descritto qua. Una volta dato il comando make menuconfig, portarsi alla voce Device Drivers>Network device support>Usb Network Adapters ed andiamo a modularizzare Option Usb. Poi, giusto per non farsi mancare niente, sempre nella sezione Device drivers>Usb support>Usb Serial Converter, modularizzare Usb driver for Gsm. A questo punto salvare, e dopo la ricompilazione ci ritroveremo con i pacchetti linux-headers e linux-image. Una volta installati con dpkg e riavviato saremo pronti per connetterci con il nostro modem, non prima però di aver scaricato i tre pacchetti che ci servono hsolink , hsoconnect e Ozerocdoff . Quest’ultimo da installare con  il classico :

tar zxf udev.tar.gz

cd udev

sudo make

sudo make install

A questo punto inseriamo in /etc/modules

ppp_async

ppp_generic

pppoe

usbserial vendor=0x0af0 product=0x7211 (sostituire se il vostro è diverso)

poi ancora:

sudo gedit /etc/hso-suspend.conf

ed inserire NONE al posto di 5 seconds

reboot

Al momento della connessione con HSOconnect apparirà una finestra di debug dove all’interno se tutto va bene non dovranno apparire errori. Nella finestra di HSOconnect, andare in profile-edit, ed inserire l’ apn, nel mio caso ibox.tim.it, come username e password, mettere due parole a caso. A questo punto siamo pronti a testare il tutto con:

python -m  hsoc

La seconda strada  è quella di scaricare linux-headers e linux-image  ricompilati da me, ed installarli, per poi procedere con l’installazione di hsolink, hsoconnect e ozerocdoff ecc.ecc. il tutto scaricabile qua. Con questi semplici passi la connessione è andata ieri ed oggi senza mai disconnettersi per ore, ed ho scaricato anche un file da 150 mega, preciso questo perchè la ricompilazione l’ho eseguita su una installazione pulita di Linux4one, poichè in una precedente installazione, dove avevo scaricato e compilato Hso driver e fatto altri esperimenti e tentativi, la connessione era altalenante e s’impallava spesso, ero riuscito tramite un workaround a farla andare,ma mi sono accorto che il metodo migliore è quello che ho appena descritto su di una installazione pulita, insieme all’utilizzo di Hsoconnect

 

 

 

Importante:

Tenere presente che il led del 3g è funzionante, quindi la lucina deve essere verde, altrimenti il modem non viene trovato.

 

Problemi riscontrati:

Ho notato che ogni tanto il device ttyHS1 scompare, ma una volta riavviato tutto torna OK, quindi e meglio non cambiare nulla in /usr/share/HSOconnect. Ho notato anche dei problemi di stabilità, ma sto verificando alcune soluzioni tra cui la patch di Alan Cox.

 

Aggiornamento:

Va tutto alla grande, chiaramente più il segnale è forte più si naviga velocemente. Ho raggiunto la velocità di 5,9 mega

in download ed 1,3 in upload.

Un altro how-to particolareggiato scritto da me, lo trovate sul forum.

 

 

Creazione successiva dell'area di swap

 

Questo è un piccolo trucchetto, molto utile quando si vuole creare successivamente un area di swap. In passato è capitato

di installare una distribuzione Gnu-Linux e di dimenticarsi della creazione della memoria swap. Crearla è molto semplice,

ipotizzando di volerla creare da 1 giga, i comandi sono i seguenti:

Creazione del file:

# dd if=/dev/zero of=/media/swapfile bs=1M count=1024

Creazione della swap

# mkswap /media/swapfile

Attivazione:

# swapon /media/swapfile

Per rilevarne la creazione:

# cat /proc/swaps

Per il montaggio in automatico, editare fstab con l’editor preferito

# nano /etc/fstab

ed inserire la riga:

/media/swapfile swap swap defaults 0 0

Salviamo (Control+O)

Usciamo (Control+X)

Cifrare documenti con GPG/GnuPG

 

Quello di usare GPG è un altro modo per cifrare  documenti importanti, in alternativa ad encfs e mcrypt. Esistono dell’interfacce

grafiche per generare chiavi GPG. Per chi usa Gnome, seahorse, per chi usa Kde, kgpg. In questo caso utilizzo il terminale.

Per prima cosa bisogna generare la chiave con il comando :

gpg --gen-key

a questo punto rispondiamo alle domande che ci appaiono a video, ed inseriamo i nostri dati, come nome, email, ecc ecc,

scegliamo una password, ed incominciamo a muovere il mouse fino a che la password non è stata creata., non ci deve

apparire un messaggio di questo tipo:

 Adesso siamo pronti a cifrare un file, utilizzando il nome che abbiamo scelto all’inizio della creazione della chiave.

Cifrare:

gpg -e -r edmond prova.txt

o in alternativa:

gpg --encrypt --recipient edmond prova.txt

Decifrare:

gpg --output prova.txt --decrypt prova.txt.gpg

oppure:

gpg --output prova.txt --symmetric prova.txt.gpg

Per ulteriori informazioni, man gpg

Mcrypt-cifrare file

 

Questo è un piccolo trucchetto per cifrare velocemente un file. Come ho avuto modo di scrivere in passato per altri metodi

qua e qua,la sicurezza non è mai troppa, specialmente quando si scrivono su un file dei dati sensibili.

Quello che serve è Mcrypt:

# apt-get install mcrypt

quindi per cifrare un file usiamo questi comandi:

mcrypt -a blowfish nome_file

dove -a indica l’algoritmo di cifratura. Per la lista completa:

mcrypt --l

a questo punto sceglieremo una password che inseriremo due volte, e ci troveremo un file criptato con estensione .nc.

Adesso non rimane che distruggere l’originale:

shred -n 10 -u -z -v nome_file

per decifrare il file:

mdecrypt nome_file.nc

Tutto qua, per altre opzioni man mcrypt

 

Messaggio all'avvio del terminale

 

 

Questa è un semplice trucchetto per avere un messaggio all'apertura del terminale. La cosa simpatica è quella che il

messaggio ci apparirà come se in quel momento qualcuno lo stesse scrivendo con una macchina da scrivere.

Non bisogna fare altro che incollare alla fine di .bashrc quanto segue:

##Messaggio di benventuto
messaggio="Ciao edmond attento a quello che fai : ) "
nLettera=${#messaggio}
i=0
while [ "$i" -lt "$nLettera" ]
do
sleep 0.1
echo -n "${messaggio:$i:1}"
(( i += 1 ))
done
echo

dove sleep 0.1 indica in millisecondi il tempo di attesa per ogni lettera.

libgnomevfs-WARNING-Debian-Sid

 

Stasera mentre smanettavo un po su Sid, mi è capitato una cosa stranissima, tutto ad un tratto non sò come e perchè, non

riuscivo ad ottenere i privilegi di root. L’errore nel terminale era il seguente:

(gedit:4397): libgnomevfs-WARNING **: Unable to create ~/.gnome2 directory: No such file or directory
Could not create per-user gnome configuration directory `/root/.gnome2/’: No such file or directory

Dopo un po di sbattimenti sono riuscito a capire e a risolvere il problema, che era dato da una modifica (non so come sia

avvenuta) in /etc/passwd, dove root si trovava in /home/root anzichè in /root. A questo punto non mi rimaneva che dare un:

Ctrl-Alt-F1

nano /etc/passwd

e nella riga dedicata a root cancellare la voce /home. Spero sia utile a qualcuno. Enjoi 😉

 

Debtree-generatore grafico di dipendenze

 

Come da titolo Debtree è un generatore grafico di dipendenze, comodo per chi volesse graficamente farsi un idea sulle

dipendenze di uno specifico programma. Per ottenere il grafico Debtree si appoggia a Graphviz.  Per installarlo:

apt-get install graphviz

git clone git://git.debian.org/~fjp/debtree.git

a questo punto entriamo nella directory debtree, e proviamo a generare un grafico per dpkg:

cd debtree

./debtree --no-recommends --no-alternatives --max-depth=4 dpkg| dot -T png > grafico-dpkg.png

gnome-open grafico-dpkg.png

Oppure in alternativa:

./debtree dpkg > grafico-dpkg.dot

dot -T png -o grafico-dpkg.png grafico-dpkg.dot

gnome-open grafico-dpkg.png

A questo punto abbiamo il nostro grafico.

Enjoy .

 

Failed to initialize HAL

Gli ultimi aggiornamenti sulla mia Debian Lenny, devono avergli fatto male dato che avviando il pc mi è apparsa la finestrella con su scritto Failed to initialize HAL. Infatti avevo problemi con il montaggio delle  periferiche e quindi il problema andava ricercato in dbus e hal  Ho iniziato subito rimettendo il symlink al runlevel di default::

# update-rc.d -f dbus remove

# update-rc.d -f hal remove

# update-rc.d dbus defaults

# update-rc.d hal defaults

ma non ha funzionato, infatti dopo avere riavviato è apparsa la solita finestrella. La soluzione era molto più semplice e cioè quella di reinstallare HAL.

Wajig escludere pacchetti deb

A volte capita di volere lasciare un pacchetto alla stessa versione, per non avere successivi problemi con dipendenze

o malfunzionamenti. Le distribuzioni che usano Apt hanno la possibilità di mettere in attesa questi pacchetti, per poi

reinstallarli in un secondo momento. Tutto questo evita la fastidiosa comparsa dell’ avviso continuo di update. Una

delle possibiltà può essere quella offerta da Wajig, un programma a riga di comando che si appoggia a Dpkg e Apt.

# apt-get install wajig

Una volta che il programma è installato, è possibile mantenere un pacchetto, in modo che venga ignorato da Apt,

in questo modo:

# wajig hold nome_pacchetto

Quando si vuole sbloccare il pacchetto:

# wajig unhold nome_pacchetto

Per visualizzare l'elenco dei pacchetti in attesa:

# wajig list-hold