GIMP 2.8.0-RC1 su Debian Sid

 

 

 

 

$ sudo apt-get build-dep gimp

$ mkdir gimp-2.8 && cd gimp-2.8

$ export PATH=/opt/gimp-2.8/bin:$PATH

$ export PKG_CONFIG_PATH=/opt/gimp-2.8/lib/pkgconfig

$ export LD_LIBRARY_PATH=/opt/gimp-2.8/lib

$ git clone git://git.gnome.org/babl

$ cd babl

$ ./autogen.sh --prefix=/opt/gimp-2.8

$ make -j3

$ sudo make install

$ cd ..

$ git clone git://git.gnome.org/gegl

$ cd gegl

$ ./autogen.sh --prefix=/opt/gimp-2.8

$ ./configure  --prefix=/opt/gimp-2.8

$ make -j3

$ sudo make install

$ cd ..

$ git clone git://git.gnome.org/gimp

$ cd gimp

$ ./autogen.sh --prefix=/opt/gimp-2.8

$ ./configure --prefix=/opt/gimp-2.8

$ make -j3

$ sudo make install

$ /opt/gimp-2.8/bin/gimp

 
 
A questo punto si avrà Gimp 2.8 in /opt. Per chi volesse saperne di più su questa versione, sui plugin, sulle prestazioni generali, ed altre sciccherie, rimando agli articoli ottimi di telperion.
 
 
 
enjoy πŸ˜‰

Disabilitare espulsione cd-rom allo shutdown su una Debian Live

 

 

 

Quando si usa un CD/USB Live, nel caso specifico una Debian Live, al momento dello shutdown appare la scritta " Please remove the disk , close the tray (if any) and press ENTER to continue ", praticamente il cd-rom viene espulso e si rimane bloccati fino a quando il tasto ENTER non viene premuto, L'idea su questa guida, mi è venuta in quanto qualcuno, dopo aver costruito una propria Debian Live personalizzata, mi ha riferito che aveva l'esigenza che il cd live rimanesse sempre inserito. Per ottenere il blocco dell'espulsione quindi, bisogna passare il parametro " noprompt " al kernel. Se si costruisce una Debian personalizzata con live build, basta usare ( non l'ho testato ma dovrebbe funzionare πŸ™‚ ):

 

$ lb config --bootappend-install "noprompt"

 

Nel caso invece del cd Debian Live ufficiale, bisogna installare isomaster, che si trova nei repository, ed andare a modificare l'immagine iso, per poi ricostruirla. Praticamente bisogna modificare il file /isolinux/live.cfg, ed inserire l'opzione noprompt al menu Live:

 

label live
    menu label Live
    kernel /live/vmlinuz
    append initrd=/live/initrd.img boot=live config   quiet noprompt

 

enjoy πŸ˜‰

Creare una Debian Live del proprio sistema

 

 

 

 

Esiste la possibilità di crearsi una Debian Live del proprio sistema, una copia esatta reinstallabile. Sull'utilità di crearne una si può anche discutere, nel senso che, l'immagine iso creatasi sarà molto grande per un sistema standard. Credo che abbia più senso per una Debian minimale, comunque:

 

$ mkdir live && cd live

$ lb config --bootstrap copy --debian-installer live

$ sudo lb build

 

enjoy πŸ˜‰

Dpkg con supporto multiarchitettura su Debian/Experimental

 

Ecco una notizia che non mi aspettavo, ovvero l'arrivo di DPKG 1.16.2~wipmultiarch con supporto multi-architetture, Quindi in futuro potremo installare pacchetti "foreign" sulla nostra Debian, sempre che il nostro pc è in grado di avviare programmi i386 e amd64. Per chi volesse provarlo inserire i repo experimental e poi:

 

$ sudo apt-get update

$ sudo apt-get install -t experimental dpkg

$ sudo dpkg --add-architecture amd64 (oppure i386)

$ sudo apt-get update

 

per utilizzarlo:

 

sudo apt-get install foo:<arch>

 

chiaramente al momento ci sono problemi con le dipendenze, mi sono messo anche a cercare qualche programma di arch differente da installare, ma non l'ho trovato. Chi sarà il primo fortunato πŸ™‚

 

enjoy πŸ˜‰

Kernel 2.6.39-bpo + Broadcom BCM4313 su Debian Squeeze

 

 

 

 

Sul mio nuovo Acer Aspire One D257, ho installato naturalmente Debian Squeeze. Come scheda wifi ha una Broadcom Corporation BCM4313, che si compila facilmente col kernel di default 2.6.32, ma ci sono dei problemi, se come me, si installa l'ultimo kernel dai backport, nel mio caso il 2.6.39-bpo.2-686-pae. Per compilare senza problemi questo driver, bisogna aggiungere momentaneamente i repository testing, poichè abbiamo bisogno di broadcom-sta-source broadcom-sta-common alla versione 5.100, mentre su Squeeze sono alla 5.60. Quindi una volta installati, si possono togliere i repository testing, e procedere con l'installazione dei driver per la BCM4313.

 

# apt-get install module-assistant wireless-tools

# m-a a-i broadcom-sta

# echo blacklist brcm80211 >> /etc/modprobe.d/broadcom-sta-common.con

# update-initramfs -u -k $(uname -r)

# modprobe -r b44 b43 b43legacy ssb

# modprobe wl

 

enjoy πŸ˜‰

Building pacchetto Debian da sorgenti

 

Questo è uno dei modi per costruire un pacchetto debian, partendo dai sorgenti.

 

# apt-get install dpkg-dev build-essential devscripts dh-make debhelper dpatch

$ apt-get source PACCHETTO

$ cd PACCHETTO-X.X.X

# apt-get build-dep PACCHETTO

# dpkg-buildpackage -us -uc

# cd ..

$ dpkg -i PACCHETTO.deb


 

enjoy πŸ˜‰

Rimuovere dipendenze dopo apt-get buil-dep

 

Quando si ha bisogno di compilare un programma da sorgenti, si usa il comando apt-get buil-dep, che si occuperà d'installare le dipendenze necessarie. Una volta compilato ed installato il programma, abbiamo ancora tutte le dipendenze installate, se si volessero disinstallare, di seguito farò un esempio con il programma Pino:

 

 

root@Debianbox:/home/edmond# apt-get build-dep pino
Lettura elenco dei pacchetti… Fatto
Generazione albero delle dipendenze      
Lettura informazioni sullo stato… Fatto
I seguenti pacchetti NUOVI saranno installati:
  gir1.2-gtk-2.0 gir1.2-javascriptcoregtk-1.0 gir1.2-notify-0.7
  gir1.2-webkit-1.0 libdbus-glib-1-dev libdbusmenu-glib-dev libdbusmenu-glib3
  libenchant-dev libgee-dev libgtkspell-dev libgtkspell0 libindicate-dev
  libindicate5 libjavascriptcoregtk-1.0-dev libnotify-dev libunique-dev
  libvala-0.10-0 libwebkitgtk-dev valac-0.10
0 aggiornati, 19 installati, 0 da rimuovere e 1 non aggiornati.
È necessario scaricare 3380 kB/3811 kB di archivi.
Dopo quest'operazione, verranno occupati 15,8 MB di spazio su disco.
Continuare [S/n]?

 

sopra vengono mostrate le dipendenze necessarie per Pino.

 

root@Debianbox:/home/edmond# aptitude markauto $(apt-cache showsrc pino | grep Build-Depends | perl -p -e 's/(?:[\[(].+?[\])]|Build-Depends:|,|\|)//g')
I seguenti pacchetti saranno RIMOSSI:                
  cmake{u} cmake-data{u} gir1.2-gtk-2.0{u} gir1.2-javascriptcoregtk-1.0{u}
  gir1.2-notify-0.7{u} gir1.2-webkit-1.0{u} libdbus-glib-1-dev{u}
  libdbusmenu-glib-dev{u} libdbusmenu-glib3{u} libenchant-dev{u}
  libgee-dev{u} libgtkspell-dev{u} libgtkspell0{u} libindicate-dev{u}
  libindicate5{u} libjavascriptcoregtk-1.0-dev{u} libnotify-dev{u}
  libunique-dev{u} libvala-0.10-0{u} libwebkitgtk-dev{u}
  libxmlrpc-core-c3{u} valac-0.10{u}
0 pacchetti aggiornati, 0 installati, 22 da rimuovere e 1 non aggiornati.
È necessario prelevare 0 B di archivi. Dopo l'estrazione, verranno liberati 29,9 MB.

 

invece quà si vedono le dipendenze che non servono più e che quindi verranno disinstallate. Riepilogando quindi i comandi:

 

# apt-get build-dep pino

# aptitude markauto $(apt-cache showsrc pino | grep Build-Depends | perl -p -e 's/(?:[\[(].+?[\])]|Build-Depends:|,|\|)//g')

 

enjoy πŸ˜‰

(Debian) Installare software senza i pacchetti raccomandati

 

 

A volte può risultare utile installare un determinato software senza i pacchetti raccomandati, questo per le più diverse ragioni, che possono andare dal non volersi trascinare dietro ulteriori programmi, alla possibilità di escluderne uno che può causare qualche problema. Ad ogni modo la bacchetta magica si può usare così:

 

# apt-get install --no-install-recommends nome_software

 

oppure:

 

# aptitude install --without-recommends nome_software

 

 

quindi facendo l'esempio con amule, vedremo alcune differenze:

 

 

root@Squeezebox:/home/edmond# apt-get install –no-install-recommends amule
Lettura elenco dei pacchetti… Fatto
Generazione albero delle dipendenze      
Lettura informazioni sullo stato… Fatto
I seguenti pacchetti saranno inoltre installati:
  amule-common libcrypto++8
Pacchetti suggeriti:
  amule-utils-gui
Pacchetti raccomandati:
  amule-utils
I seguenti pacchetti NUOVI saranno installati:
  amule amule-common libcrypto++8
0 aggiornati, 3 installati, 0 da rimuovere e 29 non aggiornati.
È necessario scaricare 5549 kB di archivi.
Dopo quest'operazione, verranno occupati 15,3 MB di spazio su disco.
Continuare [S/n]? n
Interrotto.

root@Squeezebox:/home/edmond# apt-get install amule
Lettura elenco dei pacchetti… Fatto
Generazione albero delle dipendenze      
Lettura informazioni sullo stato… Fatto
I seguenti pacchetti saranno inoltre installati:
  amule-common amule-utils libcrypto++8 libgd2-xpm
Pacchetti suggeriti:
  amule-utils-gui amule-gnome-support libgd-tools
I seguenti pacchetti saranno RIMOSSI:
  libgd2-noxpm
I seguenti pacchetti NUOVI saranno installati:
  amule amule-common amule-utils libcrypto++8 libgd2-xpm
0 aggiornati, 5 installati, 1 da rimuovere e 29 non aggiornati.
È necessario scaricare 6239 kB di archivi.
Dopo quest'operazione, verranno occupati 16,2 MB di spazio su disco.
Continuare [S/n]? n

Interrotto.

 

 

enjoy πŸ˜‰